Giorgio Armani nuovo Ambasciatore speciale del turismo responsabile​, designato dall'Unwto

Venerdì 3 Luglio 2020
Una sfilata di Armani pre coronavirus

L'Unwto, l'Organizzazione del turismo delle Nazioni Unite ha designato Giorgio Armani nuovo Ambasciatore speciale del turismo responsabile. Lo stilista, si legge nelle motivazioni, «è un punto di riferimento globale per la sua moda senza tempo e per la sua creatività, oltre che per il suo profondo impegno a favore della responsabilità sociale e del rispetto per l'ambiente. L'esempio più recente del suo sostegno alla comunità è stata la sua risposta tempestiva all'emergenza Coronavirus. Il Gruppo Armani non ha soltanto direttamente elargito consistenti donazioni ad alcuni degli ospedali italiani più gravemente colpiti, ma ha anche convertito tutti i suoi stabilimenti di produzione italiani alla realizzazione di camici di protezione monouso per gli operatori sanitari impegnati nella lotta contro il Covid-19».

Offrendo una targa speciale al nuovo Ambasciatore, il Segretario generale dell'Unwto Zurab Pololikashvili, in visita in Italia, ha sottolineato il costante impegno di Giorgio Armani a favore dell'ambiente e della comunità, testimoniato sia attraverso iniziative a lungo termine, sia da singoli interventi mirati. Il segretario ha ringraziato lo stilista per avere tutelato i posti di lavoro durante i tempi difficili della pandemia, per avere sostenuto i lavoratori in prima linea contro l’emergenza e per avere contribuito al contenimento del virus. «Sono veramente felice di ricevere questa onorificenza da parte di un'organizzazione che crede fermamente che le persone vadano incoraggiate a conoscere le bellezze del mondo in modo rispettoso e responsabile - ha dichiarato Giorgio Armani - È stato proprio il senso di responsabilità per la comunità che ha aiutato il mio paese a superare questa terribile pandemia, e che mi ha anche spinto a fare la mia modesta parte, aiutando coloro che si sono impegnati nella lotta contro il virus e contro le sfide economiche a cui il virus ci ha esposto». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA