Google dedica il Doodle agli stivali da pioggia: i Wellington boots tornano a fare tendenza

Giovedì 5 Dicembre 2019 di Costanza Ignazzi

In Gran Bretagna piove sempre, ma qualche volta un po' di più. Ad esempio proprio oggi, il 5 dicembre del 2015, fu il giorno più piovoso della storia del Regno Unito con 34 centimetri di pioggia nella contea di Cumbria. E Google lo celebra con un Doodle dedicato agli stivali da pioggia: i Wellington, per intenditori, il modello di gomma che tanto spopolava qualche anno fa e che - azzardiamo - pare stia per tornare. 

Stivali del 2019, alti e a punta: ed è subito must have
Stivali, i tronchetti con lacci tendenza dell'autunno: ecco come indossarli (proprio come Kate Middleton)

Ma come nascono quelli i famosi Wellington che hanno fatto la fortuna del marchio Hunter (e infatti molti li chiamano esclusivamente così). Lo stivale Wellington era all'inizio un adattamento degli stivali di pelle Hessian: must have, pare, del primo Duca di Wellington Arthur Wellesley e poi di tutta l'aristocrazia britannica. Da allora li usano celebrities in libera uscita e più o meno chiunque si faccia venire in mente di andare a Glastonbury, il festival musicale britannico più famoso, dove la presenza del fango è più probabile di quella delle band sul palco. 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Spotted in NYC, @GigiHadid in the @stellamccartney x Hunter rain boots. #StellaHunterBoots

Un post condiviso da Hunter Boots (@hunterboots) in data:


Must have degli anni 2000, gli Hunter stanno tentando di tornare sulla cresta dell'onda con una collaborazione con Stella McCartney e sono stati recentemente avvistati indosso a Gigi Hadid, mentre Leandra Medine di Man Repeller ha sfoggiato il modello Original rivisitato per l'apertura di un nuovo store. 
 
 

Ultimo aggiornamento: 20:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Botte per buttare i sacchetti e le dispute rabbiose sul web

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma