Carola Rackete, insulti e odio via web, stupratori da tastiera crescono senza vergogna

Domenica 30 Giugno 2019 di Maria Lombardi
2

«Spero che ti violentino 'sti negri». «A quattro, a quattro....». «Le mogli vi devono stuprare, sti' clandestini». É ancora buio al porto di Lampedusa, la Seawatch appena approdata. Partono gli insulti contro la Capitana, urlati in siciliano. Sui social è da giorni che a Carola Rackete si augura lo stupro. La capitana è solo l'ultima vittima dell'offesa violenta come nessun altra. Per colpire una donna è ormai l'arma più usata, un esercito di stupratori da tastiera va crescendo senza vergogna. Fa paura quest'odio disumano che avanza sui social.

Augurare lo stupro è anch'esso una forma di stupro.

Non è più possibile tollerare che simili minacce circolino con leggerezza su facebook e twitter. Sarebbe da capire quali perversioni o idelogie distorte ci siano dietro parole così devastanti, da misurare se mai fosse possibile la rabbia repressa che esplode in frasi che vanno oltre l'insulto. Ci sarebbe da chiedersi perché tanto odio contro le donne, da dove nasce e perché proprio ora, chi lo alimenta e come si può fermare. «Troppa violenza sui social contro le donne: stupri virtuali, revenge porn e minacce», l'allarme lanciato dal direttore della polizia postale Nunzia Ciardi.

La rete non è altrove, è il nostro specchio. La violenza sul web è la stessa che circola fuori da lì, ma post e tweet possono alimentarla a dismisura. C'è una sola difesa: denunciare sempre e non lasciar passare nemmeno un insulto. Intanto è il caso di ricordare cosa è costata quella minaccia a Matteo Camiciottoli, il sindaco leghista di Pontinvrea che ha augurato lo stupro all'allora presidente della Camera Laura Boldrini. Il tribunale di Savona lo ha condannato per diffamazione al pagamento di 20 mila euro di multa con pena sospesa subordinata al risarcimento dei danni entro un mese. 

«Dedico questa sentenza a mia figlia, perché abbia sempre fiducia nella giustizia - fu il commento della Boldrini - la dedico a tutte le figlie d’Italia, perché non abbassino mai la testa di fronte alla violenza!». Ecco, se c'è un modo per arginarla è non lasciare mai che una minaccia di stupro resti impunita. A Carola come a tute le altre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA