Violenza sulle donne, dati shock: 400 aggressioni l'anno ma poche denunce

Un momento dell'incontro di formazione
1 Minuto di Lettura
Domenica 9 Febbraio 2020, 07:00

Ogni anno al pronto soccorso di Latina arrivano 400 traumi riconducibili ad aggressioni nei confronti di donne, ma nonostante l’esistenza del “Codice rosa” - un percorso destinato a chi subisce violenza fisica e psicologica - nel 78% dei casi si preferisce non presentare denuncia.

È il dato emerso durante il confronto di ieri - sabato 8 febbraio - tra giornalisti, medici e avvocati nell’ambito di un’iniziativa di formazione organizzata da Asl e Associazione stampa romana sul tema “La prevenzione della violenza sulle donne: dal delitto del Circeo all’attuale fenomeno del femminicidio. La rete di competenze".

A fornire il dato Mario Mellacina, dirigente del pronto soccorso. Il personale è formato a riconoscere i traumi e quando si tratta di donne il “codice rosa” le prende in carico non solo per le cure mediche, ma anche per un sostegno di carattere psicologico. Nonostante questo, purtroppo, si preferisce non denunciare. Il confronto/scontro tra gli avvocati Maria Belli e Angelo Palmieri sul femminicidio.

Servizio completo sull'edizione cartacea o sul Messaggero digital

© RIPRODUZIONE RISERVATA