CORONAVIRUS

La fabbrica di cioccolato dona 300 uova di Pasqua all'ospedale di Latina

Giovedì 2 Aprile 2020 di Marco Cusumano
Trecento uova di Pasqua confezionate appositamente per il personale dell'ospedale Goretti di Latina. Un po' di colore e dolcezza hanno invaso le corsie del nosocomio Covid-19 grazie al gesto di solidarietà della fabbrica di cioccolato Antica Norba.

«Abbiamo voluto regalare qualche sorriso - racconta la titolare Elisa Chima - con un piccolo gesto di solidarietà a favore del personale sanitario che sta portando avanti una dura battaglia per tutti noi. Le uova sono state confezionate appositamente per il Goretti».

Sulla confezione il biglietto con la scritta Andrà tutto bene, diventata ormai il messaggio simbolo in questi giorni di emergenza sanitaria. Il personale ha apprezzato molto il gesto e non sono mancate delle foto in corsia con le uova colorate.

La cioccolateria, come moltissime aziende in ogni settore, sta vivendo momenti di difficoltà legati soprattutto all'annullamento degli ordini, ma con impegno e buona volontà sta gestendo al meglio la crisi.

«Abbiamo tre settori principali di produzione - spiega Elisa Chima - lavoriamo per le mense scolastiche a Roma, per le festività di Natale e Pasqua e per il settore degli alimenti senza glutine. Solo quest'ultimo è ancora attivo, tra l'altro in crescita perché c'è una notevole richiesta a livello nazionale. Ma gli altri settori sono totalmente fermi e abbiamo tante materie prime nei magazzini, a rischio deterioramento. Per fortuna c'è stata una bellissima risposta dal nostro territorio, molti ci hanno invitato a vendere online e così stiamo facendo con la spedizione dei nostri prodotti, anche le farine».

Oltre al dono per il Goretti, l'azienda di Norma ha pensato anche alla Caritas con una fornitura di biscotti per la prima colazione che normalmente sono destinati alle mense scolastiche del Comune di Roma. Dopo l'annullamento di tutti gli ordini per Pasqua la cioccolateria ha dovuto ridurre a circa un terzo il personale in servizio in questo periodo.

«Speriamo di tornare presto alla normalità - conclude Elisa Chima - intanto andiamo avanti con il settore senza glutine. Apprezziamo molto il sostegno dei cittadini della provincia di Latina e Roma, ci sentiamo davvero una comunità».
Ultimo aggiornamento: 3 Aprile, 11:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani