Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

San Felice Circeo, successo per la "Regata delle rondini" organizzata dall'Andos

San Felice Circeo, successo per la "Regata delle rondini" organizzata dall'Andos
2 Minuti di Lettura
Lunedì 30 Maggio 2022, 16:34

Si è tenuta la "Regata delle rondini", la veleggiata sportiva solidale organizzata dall'Andos, Associazione nazionale delle donne operate al seno - comitato di Latina. Sedici barche a vela tra i 9 e i 13 metri hanno preso il largo ospitando 50 donne dell'Andos provenienti da Latina e dalle vicine città di Anzio e Nettuno, Velletri, Sezze e Fondi, che in poco più di un'ora hanno concluso il percorso di 6 miglia tracciato dal Circeo Yacht Vela Club nelle acque di San Felice.

Un'occasione di svago e benessere per le donne dell'associazione e anche di promozione dell'attività di prevenzione legata agli screening oncologici. L'evento ha avuto il patrocinio del Comune di San Felice e della Asl di Latina e si è tenuto anche alla presenza del comandante della guardia costiera Antonio Caserta e del presidente del Circeo Yacht Vela Club Franco Borsò.

Oltre alle operazioni di disormeggio e ormeggio, gli uomini della Cooperativa del Porto “Circeo 1°” hanno agevolato l’imbarco e lo sbarco delle ospiti in massima sicurezza, mentre la guardia costiera ha assicurato l’assistenza in mare. 

A fine regata, oltre 160 persone presenti si sono rifocillati grazie all’Accademia della Cucina Mediterranea, coordinata del Presidente Franco Bruno, che ha preparato un buffet a base di pesce e verdure, vino e dolci. Durante il momento conviviale, è stata data la parola ad alcune donne dell'Andos e alla presidente Paola Bellardini che hanno testimoniato quanto sia importante condividere la vita associativa e quanto sia fondamentale l'anticipazione diagnostica aderendo agli screening regionale oncologici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA