Nuove divise in ospedale, il Nursind denuncia: «Troppe anomalie»

Mercoledì 4 Dicembre 2019
Una lettera al direttore generale della Asl, al dirigente delle  professioni sanitarie e alla presidente dell'Ordine professionale degli infermieri. L'ha scritta Giovanni Santucci, il segretario del sindacato delle professioni infermieristico (Nursind) rispetto al «nuovo appalto servizio di lavanolo per le divise degli infermieri e di tutti i dipendenti Asl Latina».

Il sindacato afferma di avere ricevuto «numerose segnalazioni da parte dei colleghi Infermieri e di tutti i lavoratori dell’Asl Latina per la nuova fornitura delle divise» che presentano diversi problemi. Tra questi  che le divise presentano «un colore che si differenzia tra il bianco della casacca da quello dei pantaloni; sono tute sgualcite; sono sporche ed ingiallite; le taglie non sono sempre disponibili per cui vengono consegnate divise della taglia corretta ma appartenenti ad altre figure professionali (colori sulle casacche). Queste sono solo alcune delle lamentale che riceviamo e che costringono tutti gli operatori ad indossare divise con risvolti nei pantaloni (perchè troppo lunghi), sgualcite, sporche con un gravissimo danno al decoro dell’immagine professionale». Per questo - ricordando che «maggiore è la riconoscibilità della categoria professionale e del singolo operatore, maggiormente sono tutelati i diritti del cittadino che saprà sempre a chi si sta rivolgendo» - chiede di   «prendere i dovuti ed urgenti provvedimenti per ridonare il decoro dovuto alla divisa che tutti gli Infermieri ed i lavoratori indossano».   © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma