Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cozze raccolte all'interno del porto di Formia, scatta il sequestro

Cozze raccolte all'interno del porto di Formia, scatta il sequestro
2 Minuti di Lettura
Sabato 3 Luglio 2021, 08:41 - Ultimo aggiornamento: 08:42

Cinquanta chilogrammi di cozze raccolte all'interno del porto di Formia sono stati sequestrati da personale della Guardia costiera nell'ambito dell'operazione  estiva “Mare Sicuro 2021”.

Durante le consuete attività di controllo, finalizzate anche alla verifica del rispetto delle ordinanze vigenti, i militari dell’Ufficio locale marittimo di Formia sono stati allertati della presenza di un pescatore intento alla raccolta di mitili all’interno del bacino portuale.

I marinai  hanno riscontrato la presenza, sulla scogliera adiacente i pontili per l’ormeggio delle unità da diporto,  4 sacchi in plastica contenenti le  cozze. Nessuna traccia, invece, dell’abusivo pescatore sportivo, che alla vista dei militari aveva fatto perdere le proprie tracce.

I mitili, raccolti all’interno del bacino portuale in cui vige il divieto di pesca, e tra l’altro ben oltre la quantità massima giornaliera consentita di 3 kg per la pesca sportiva, erano custoditi all’interno di contenitori artigianali e buste di plastica, sotto al sole.

«Simili comportamenti - ricordano dalla Guardia costiera - oltre a violare la normative nazionali sulla pesca che prevedono quantitativi massimi di raccolta giornalieri, possono provocare anche problematiche di carattere igienico sanitario qualora i prodotti ittici, non adeguatamente conservati, finiscano illecitamente sulla tavole di ignari consumatori». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA