CORONAVIRUS

Coronavirus, raccolta fondi Ucid-Ordine di Malta: iniziata distribuzione beni

Sabato 9 Maggio 2020

Iniziata la distribuzione di beni di prima necessità nata grazie alla sinergia tra Ucid  (Unione cristiana imprenditori dirigenti) e Smom (Sovrano militare ordine di Malta).  L’iniziativa di raccolta fondi per l’acquisto di beni di prima necessità destinati alle fasce deboli della popolazione, avviata dall’Ucid   in collaborazione col suo gruppo giovani e dalla delegazione di Veroli del Smom   ha portato i suoi frutti.

Vedi anche » Latina, due appartamenti gratuiti per il personale del Goretti che viene da fuori

«Con la Diocesi di Latina-Sezze-Priverno-Terracina e in particolare grazie alla Caritas Diocesana, è iniziata la fase della distribuzione dei generi di prima necessità, destinati alle persone e alle famiglie in difficoltà del territorio pontino, alla presenza del vescovo monsignor Mariano Crociata. E' un primo successo – commenta l’ingegner Francesco Berardi, presidente Ucid  Latina – con il quale vogliamo avviare una rete sussidiaria di solidarietà sul territorio pontino coinvolgendo tutte le associazioni locali e gli uomini e le donne di buona volontà. Come Ucid, e quindi come imprenditori e dirigenti cristiani, ci siamo mossi rispondendo all’appello di Papa Francesco di non lasciare nessuno indietro e di prendersi cura dei più deboli, come in una autentica Comunità». 

«È meraviglioso – aggiunge il delegato dello Smom, il marchese Alessandro Bisleti – vedere tre realtà cristiane muoversi assieme verso uno scopo comune: l’attenzione al prossimo. Proprio con questo obiettivo in mente, ed in considerazione della crisi sociale in corso, assieme all’Ucid ci impegneremo con ancora più forza per fornire anche l’assistenza medica necessaria ai più indigenti ed emarginati del territorio pontino. Per 900 anni - spiega il delegato - l’Ordine di Malta ha affrontato malattie, terremoti, crisi sociali, miseria. Anche oggi affronta, con la stessa determinazione avuta nei secoli e lo stesso carisma, la piaga del Coronavirus e delle conseguenze sociali che sta portando». 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA