CORONAVIRUS

Latina, due appartamenti gratuiti per il personale del Goretti che viene da fuori

Martedì 7 Aprile 2020
Un aiuto concreto per il personale sanitario del Santa Maria Goretti proveniente da fuori città. Il Comune ha messo a disposizione due mini appartamenti di proprietà della Curia Vescovile, in via Leonardo da Vinci.

L’Amministrazione ha ottenuto dalla Diocesi la disponibilità dei locali dopo aver siglato un contratto di comodato d’uso gratuito nell’ambito di un progetto che originariamente prevedeva l’utilizzo dei locali da parte dei pazienti sottoposti a cure radioterapiche lunghe non residenti a Latina. Nel progetto è coinvolta l’associazione “Valentina Onlus” per conto dell’ospedale civile Santa Maria Goretti.

«Voglio ringraziare il Vescovo di Latina, Monsignor Mariano Crociata - spiega il sindaco Damiano Coletta - per la sensibilità e la disponibilità mostrate in questa importante operazione. Vista la situazione di emergenza, per questo periodo abbiamo pensato di concedere l’utilizzo delle due mini abitazioni, situate nelle immediate vicinanze dell’ospedale, al personale sanitario in servizio al Goretti e proveniente da fuori città. Questa mattina ho effettuato personalmente un sopralluogo nei due appartamenti insieme agli ispettori della Asl, alla Dirigente del Servizio “Relazioni istituzionali e con la città. Appalti e contratti”, Daniela Ventriglia, e alla Presidente dell’associazione “Valentina Onlus”, Nella Magnani. I due appartamenti – conclude il Sindaco – saranno disponibili a breve, il tempo di allacciare le utenze e di fornire un minimo di arredamento».

Sarà l’associazione “Valentina Onlus” ad arredare e gestire gli appartamenti. Una volta cessata l’emergenza epidemiologica, i locali verranno utilizzati secondo il progetto originario e sarà la stessa associazione a gestire l’ospitalità delle persone sottoposte a cure radioterapiche lunghe provenienti da fuori Latina. Ultimo aggiornamento: 22:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani