FONDI

Bomba carta al Comune di Fondi, danni ingenti: nei guai tre minorenni

Sabato 28 Dicembre 2019 di Barbara Savodini
Bomba carta al Comune di Fondi la notte di Natale

Bomba carta al Comune di Fondi, i vandali tornano in azione ma un'indagine lampo di Polizia e Municipale incastra i responsabili: tre minorenni della città.
Ma procediamo con ordine perché, tra danni e allerte, la cronaca dell'accaduto ha dell'incredibile.

La bravata la notte di Natale: danni ingenti per una bomba carta 

Sono da poco passate le 2 della notte di Natale quando un gruppo di giovanissimi, perlopiù minorenni usciti a piedi in centro dopo aver consumato il cenone della vigilia in famiglia, decide di "far rumore". Comincia così a farsi largo l'idea di una bravata, del tutto priva di senso, architettata al solo scopo di infrangere le regole e destare allarme in città. Detto, fatto.
Il gruppetto si mette al lavoro, appronta il tutto e accende la miccia: pochi istanti e un grosso petardo, più simile ad una bomba carta, fa esplodere il cavo delle terminazioni elettriche ubicato in una delle colonne del Palazzo comunale. Una deflagrazione spaventosa che arreca seri danni all'edificio tra cui la rottura di alcuni vetri.

Il vertice sicurezza in Prefettura

All'indomani scatta l'allarme: essendo stato colpito un luogo sensibile la Prefettura allerta subito il sindaco Salvatore De Meo e viene indetto il vertice per la sicurezza.
Come se spari di avvertimento, tentati omicidi e incidenti non fossero sufficienti a movimentare il Natale fondano.

Le indagini di Polizia e Municipale

Nel frattempo partono le indagini della Municipale e del Commissariato di Polizia di Fondi che, per fortuna, dopo anni di atti vandalici impuniti, possono avvalersi delle telecamere di videosorveglianza. Un'azione doppiamente sciocca quella messa a segno dai giovanotti in questione in quanto non solo del tutto immotivata ma anche ripresa in mondovisione dalle telecamere della città.

Non è stato difficile per gli agenti del commissariato di polizia, abituati ad indagini di ben altro respiro, individuare il responsabile: un giovane di 17 anni con degli abiti dai colori vivaci e quindi ben riconoscibili. Gli indumenti dei filmati a circuito chiuso sono stati ritrovati, poco dopo, a casa del ragazzo sospettato assieme a qualche grammo di marijuana.

Alla luce dell'esito della perquisizione domiciliare, il giovane è stato denunciato per accensioni pericolose in luogo pubblico e danneggiamento di edificio pubblico e segnalato all'autorità prefettizia per detenzione di stupefacente. Nei guai altri due coetanei, uno già individuato e denunciato e un altro in fase di identificazione. Dalle telecamere, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, si evincerebbe con chiarezza come anche gli altri due amici abbiano avuto un ruolo attivo nel posizionamento del petardo.

L'avvertimento del Comune: "Mai più atti vandalici impuniti"

Una bravata? Sicuramente ma il messaggio che amministratori e forze dell'ordine mandano alla città con questo episodio è forte e chiaro: nessun vandalo, adulto o minorenne, la farà più franca. Un monito rivolto anche ai genitori affinché crescano i propri figli con maggior responsabilità e senso civico, insegnando loro a prendere le distanze da certi episodi anziché ridere e complimentarsi come invece accaduto la Notte di Natale.  Una sequenza imbarazzante restituita in formato integrale dalle telecamere di videosorveglianza della città. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA