Una storia di azzurro e di amicizia: l'Aeronautica Militare spiega ai ragazzi il suo legame con l'Agro Pontino

Una storia di azzurro e di amicizia: l'Aeronautica Militare spiega ai ragazzi il suo legame con l'Agro Pontino
di Ebe Pierini
3 Minuti di Lettura
Venerdì 11 Marzo 2016, 20:39

LATINA - Far conoscere ai giovani il legame che unisce l’Aeronautica Militare e l’Agro Pontino ripercorrendo le vicende storiche che li hanno legati in passato fino a giungere alla presenza attuale dell’Arma Azzurra nella nostra provincia.

Questa la finalità degli incontri organizzati dall’Aeronautica Militare e dalla 4ª Brigata di Borgo Piave nell' ambito dell'evento "Una storia di azzurro e di amicizia". Questa mattina l’auditorium del centro visitatori del Parco nazionale del Circeo di Sabaudia ha ospitato l’incontro con gli studenti dell'istituto Giulio Cesare sul tema:" La storia dell'Agro Pontino raccontata attraverso l'emozione e la passione del volo". Hanno preso parte all’evento il generale Giuseppe Sgamba, comandante della 4ª Brigata; il generale Mario Arpino che è stato Capo di Stato Maggiore della Difesa, il generale Euro Rossi, autore del libro "Nido d'aquile", la direttrice scolastica Mariana Zannella, la dottoressa Maria Grazia Cannella, il tenente colonnello Massimo Sasso. Ha moderato l’incontro il giornalista Mario Tieghi. Già nel 1927 erano presenti in territorio pontino tre campi di volo, a Cisterna, Sezze Romano e Terracina, che garantirono sicurezza a tutti quei piloti che sorvolarono i cieli laziali. Oggi Latina ospita due reparti d'eccellenza dell'Aeronautica Militare: la 4^ Brigata ed il 70° stormo. Una storia che racconta come lo stesso Agro Pontino è stato importante per l'Aeronautica Militare con personaggi che si sono contraddistinti per abnegazione e coraggio come Giorgio Rossi, Publio Magini ed Alessandro Marchetti. L’aeroporto Comani di Latina, che fu inaugurato il 28 marzo 1938. “Noi facciamo il lavoro più bello del mondo – ha esordito il generale Giuseppe Sgamba rivolgendosi ai ragazzi -  Ci anima una grande passione. Nel dna degli aviatori ci sono la generosità, la competenza e l’etica dalle quali non si deve prescindere mai nella vita. Vi esorto ad essere audaci e a rischiare, ma sempre in maniera controllata, perché come diceva Peter Pan, solo chi sogna può volare”. Gli appuntamenti organizzati dall’Aeronautica Militare proseguiranno a maggio a Latina con una mostra statica di assetti di telecomunicazioni mobili che si terrà in piazza del Popolo dal 27 al 29 maggio. Contemporaneamente si terrà una mostra storica, fotografica e filatelica per ripercorrere la storia dell’Aeronautica Militare nell’agro pontino.
Verrà inoltre assegnata una borsa di studio allo studente che avrà realizzato il miglior disegno ispirato all’evento. La giuria sarà composta dal Prefetto di Latina Faloni, dal generale Sgamba e dal commissario prefettizio del Comune di Latina Barbato. Spazio allo sport con una   maratonina di 10 km per promuovere le attività finalizzate a favorire l’integrazione tra il personale militare con quello della comunità pontina che è in programma per il 28 maggio. Il 27 maggio invece si terrà il   giubileo dei militari pontini e verrà celebrata una Santa Messa alla presenza del Vescovo Mariano Crociata. Saranno anche organizzate delle giornate della memoria per ricordare  l’ingegner Alessandro Marchetti, il 1° aprile a Cori, e il generale Ajmone Cat, il 1° maggio Il 29 maggio si terrà il concerto della banda musicale dell’Aeronautica Militare presso il teatro D’Annunzio.
 
 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA