Aprilia e Lanuvio dedicano un murale a Giovanni Falcone sul muro dell'oratorio di Campoleone

In occasione dell'inaugurazione del murale, i ragazzi della scuola Galieti di Campoleone hanno letto alcune riflessioni sulla legalità
2 Minuti di Lettura
Martedì 24 Maggio 2022, 09:47

Un murale enorme per imprimere a fondo nella memoria di tutti il ricordo del magistrato Giovanni Falcone, ucciso 30 anni fa a Capaci insieme alla moglie Francesca Morvillo e agli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. L’opera d’arte, realizzata dall’artista Mauro Sgarbi, troneggia sul muro dell’oratorio di Campoleone.

L’iniziativa è nata dall’unione di intenti tra il Comune di Aprilia e il Comune di Lanuvio. "Abbiamo voluto organizzare questa iniziativa insieme ad Aprilia - sottolinea l'Assessore di Lanuvio Valeria Viglietti- per celebrare un uomo di Stato con la S maiuscola, ucciso per il suo impegno dalla mafia 30 anni fa. L'oratorio rappresenta da sempre il cuore pulsante di Campoleone e ci sembrava giusto dedicarne una parte a un eroe dei nostri tempi. Ringrazio di cuore l'artista Mauro Sgarbi per aver eseguito il murale, Don Andrea Giovannini per aver subito condiviso la proposta e aver messo a disposizione la parete dell’oratorio, l'amica Luana Caporaso, Assessore di Aprilia, sempre pronta a condividere azioni per il territorio, il dirigente scolastico Laura Lamana, i fratelli Chianese e Giuseppe Verri per aver contribuito alla realizzazione dell’opera" conclude la Viglietti.

Hanno presenziato all’iniziativa anche il sindaco di Lanuvio Luigi Galieti, l'assessore di Aprilia Luana Caporaso, diversi amministratori del Comune di Lanuvio, i Carabinieri di Lanuvio, la Polizia Locale, la Protezione Civile e gli alunni della scuola Galieti di Campoleone che, per l'occasione, hanno letto alcune riflessioni personali dedicate alla legalità, alla lotta alle mafie e all'eroismo di figure come Giovanni Falcone. Le celebrazioni sono poi proseguite nel cortile esterno della scuola intitolata proprio a Falcone e Borsellino, a Lanuvio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA