Accompagna un indiano in Tribunale, danneggiata l'auto del sociologo Marco Omizzolo

Giovedì 27 Febbraio 2020
La foto postata da Omizzolo su facebook
Danneggiata l'auto del sociologo Marco Omizzolo, studioso del fenomeno del caporalato, già minacciato in passato e autore del libro "Sotto padrone". A raccontare l'episodio è lui stesso sulla sua pagina facebook.

«Ieri mattina ho accompagnato Kuldip (nome di fantasia) in tribunale. Kuldip per sei anni ha lavorato come uno schiavo nell'azienda agricola di un criminale di Latina. Ha vissuto dentro una roulotte senza luce, acqua e gas. Lavorava 14 ore al giorno per 150 euro al mese. Quel criminale è stato assicurato alla giustizia grazie alla sua denuncia e per questo ha ottenuto un permesso di soggiorno premio. Ieri Kuldip ha raccontato tutto in aula con grande coraggio e determinazione, comprese le minacce di morte subite. Kuldip si è anche costituito parte civile. Credo che accompagnare quese persone nel loro percorso di giustizia e libertà sia doveroso. All'uscita dal tribunale mentre andavo a riprendere l'auto ho trovato questa con una serie di ammaccature e lo specchietto rotto. Sarà sicuramente un caso e forse un'auto poco attenta ha prodotto il danno. Io comunque, per chiarezza, continuerò ad indagare, raccontare e denunciare le storie di donne e uomini sfruttati, italiani e stranieri». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Dalla candeggina ai contagi: ecco le bufale su cani e gatti

di Marco Pasqua