CORONAVIRUS

Turismo, Di Maio: «Lavoriamo per riaprire tutti i Paesi Ue il 15 giugno»

Martedì 26 Maggio 2020
Turismo, Di Maio: «Lavoriamo per riaprire tutti i Paesi Ue il 15 giugno»

Turismo, l'Europa si sta organizzando per riaprire le porte al turismo. Non solo aeroporti liberi dal 3 giugno, ma frontiere a tutti gli effetti aperti il 15. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio alla trasmissione Frontiere su Raiuno. «Lavoriamo affinché il 15 giugno si possa ripartire tutti insieme in Europa: il 15 giugno per il turismo è un pò il d-day europeo - ha spiegato - La Germania punta a riaprire il 15 giugno, consigliando a alle persone di poter andare in vancaza in altri Paesi, con l'Austria ci lavoreremo e stiamo lavorando con altri Paesi europei», ha aggiunto.

Spostamenti tra Regioni, ultime notizie. La Sardegna vuole il test rapido per i turisti, no del Cts
Regioni, Sardegna e Sicilia sfidano il governo: venga chi ha il certificato di negatività

Per aiutare a riavviare il turismo straniero in Italia «sarà importante che tutte le Regioni possano dare indicazioni omogenee ai turisti. Sentirò nei prossimi giorni il presidente delle Regioni ma sono sicuro che il ministro Boccia farà un ottimo lavoro di coordinamento, perché abbiamo bisogno che le Regioni non mettano misure diverse, altrimenti il turista non sa come muoversi da una regione all'altra», ha spiegato Di Maio. «Dobbiamo salvare quel che possiamo salvare dell'estate per aiutare i nostri imprenditori», ha concluso.

Luca Parmitano: «Nello spazio sapevo del Coronavirus da novembre»

Di Maio: Italia sensibile ai diritti umani. «Io credo che in questo momento storico l'Italia debba rafforzare ulteriormente le sue alleanze storiche con gli Stati Uniti nell'Alleanza atlantica, nell'Unione europea», ma «guardando anche ad altri Paesi nel mondo con cui intessere nuove relazioni non solo diplomatiche ma anche commerciali. Ma una cosa è certa: la storicità delle relazioni e delle amicizie e le relazioni commerciali non possono essere superiori al dibattito sui diritti umani, sul quale noi non arretriamo ma anzi siamo molto sensibili». Lo ha detto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, alla trasmissione Frontiere su Rai 1, rispondendo a una domanda sulle tensioni tra Usa e Cina e sugli ultimi avvenimenti a Hong Kong.

Covid dilaga in America Latina: 31.000 casi e 1.600 morti in un giorno. Emergenza in Brasile

Ultimo aggiornamento: 09:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani