Silvia Provvedi, arrestato il compagno Giorgio “Malefix” De Stefano in blitz anti-'ndrangheta

Mercoledì 24 Giugno 2020
1
'Ndrangheta, preso Giorgio “Malefix” De Stefano, compagno di Silvia Provvedi

Il compagno di Silvia Provvedi, Giorgio De Stefano, arrestato in un blitz anti-'ndrangheta in Calabria. Un'operazione denominata Malefix, proprio come il soprannome di De Stefano che con la Provvedi ha da poco avuto una figlia. Gli investigatori sono riusciti a ricostruire il tentativo di scissione della famiglia facente capo a Luigi Molinetti dalla casa madre dei De Stefano, storicamente egemone anche nel centro di Reggio Calabria.

Giorgio "Giorgetto" De Stefano, soprannominato appunto "malefix" a colpi di post sui social dalla compagna Silvia Provvedi, del duo "Le Donatella" (già partner di Fabrizio Corona). Nato Giorgio Confello Fibio, "Malefix" è figlio illegittimo del boss Don Paolino, ucciso nel 1985: gli quale è stato permesso nel tempo di prendere il cognome del boss e anche un posto nell'organizzazione criminale della famiglia. 

LEGGI ANCHE Silvia Provvedi mamma, è nata la figlia Nicole: «Il giorno più bello della nostra vita» 

LEGGI ANCHE Silvia Provvedi, il nuovo fidanzato è Giorgio De Stefano: la Donatella sarebbe incinta di 5 mesi

Secondo gli investigatori la volontà di Gino Molinetti e dei figli di rendersi autonomi nasceva dal malcontento del gruppo per l'iniqua spartizione dei proventi estorsivi, il mancato riconoscimento di avanzamenti gerarchici nell'organizzazione, la mancata elargizione di prebende che pretendevano in virtù degli anni di fedeltà e dedizione alla cosca, e nell'avversione alle pretese espansionistiche dei Molinetti sul locale di Gallico.

 

 

Il timore che i dissidi potessero degenerare in una scissione dagli esiti incerti e pericolosi, secondo le indagini della Squadra mobile reggina e dello Sco, ha indotto i fratelli Carmine e Giorgio De Stefano ad investire della questione Alfonso Molinetti, fratello di Luigi, ritenuto uno dei loro alleati più fedeli. 

L'inchiesta della Dda reggina ha anche portato alla luce i forti attriti tra le cosche De Stefano-Tegano e Libri. Dalle indagini, infatti, è emerso che ciascun gruppo raccoglieva le estorsioni secondo prassi che non tenevano conto degli accordi in base ai quali i proventi dovevano essere divisi tra le cosche di riferimento sul territorio.
 

Antonio Libri, che per gli investigatori aveva assunto le redini dell'omonima cosca dopo l'arresto dei capi, aveva saputo che in occasione delle festività natalizie del 2017 era stata raccolta da Carmine e Giorgio De Stefano una consistente somma di denaro, nell'ordine di alcune migliaia di euro, senza che nulla venisse corrisposto ai Libri.

L'episodio riguardava un noto imprenditore della ristorazione, titolare anche di alcuni locali di intrattenimento. Antonio Libri aveva quindi informato Orazio Maria De Stefano, esponente di vertice dell'omonima famiglia, ed altri esponenti dei Tegano, organizzando con alcuni di loro un summit per definire nuove e congiunte modalità estorsive e la formazione di un gruppo misto costituito da appartenenti alle due distinte consorterie - una sorta di commissione tecnica - con l'obiettivo di evitare sovrapposizioni e fraintendimenti e provvedere ad un efficiente sistema di rastrellamento estorsivo lungo tutto l'asse del centro cittadino di Reggio Calabria, organizzando anche l'imposizione intimidatoria delle assunzioni da parte dei gestori di attività.

Ultimo aggiornamento: 25 Giugno, 06:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani