Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicron, la mappa delle varianti in Italia. Il report del ministero della Salute

Omicron, la mappa delle varianti in Italia. Il report del ministero della Salute
di Rosario Dimito
2 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Luglio 2022, 20:05 - Ultimo aggiornamento: 21:48

La Salute compie una mappatura del grado di diffusione delle varianti Omicron e dei suoi sottolignaggi in Italia. Verrà realizzata una indagine rapida coordinata dall’Istituto Superiore di Sanità con il supporto della Fondazione Bruno Kessler e in collaborazione con il Ministero della Salute, le Regioni e le PPAA (Provincie Autonome).

È quanto prevede una circolare firmata dal dg Giovanni Rezza. «L’obiettivo di questa indagine sarà quello di identificare, tra i campioni con risultato positivo per SARS-CoV-2 in RTPCR possibili casi di infezione riconducibili a queste varianti», si legge nel documento.

Questa valutazione prenderà in considerazione i campioni notificati il 5 luglio prossimo (prime infezioni non follow-up) da analizzare tramite sequenziamento genomico. La dimensione campionaria per Regione/PA è stata calcolata da Fondazione B. Kessler. Verranno considerate 4 macroaree (nomenclatura NUTS): Nord-Ovest (Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia), Nord-Est (Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna), Centro (Toscana, Umbria, Marche, Lazio), Sud e Isole (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sardegna, Sicilia).

Ecco di seguito la circolare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA