Matteo Cecconi, suicida a 18 anni in Dad, la lettera dei genitori: «L’abisso che ti ha inghiottito ci ha lasciato desiderosi di seguirti»

La mattina in cui ha deciso di ingerire il nitrito di sodio, Matteo era collegato in chat con una decina di altri ragazzi che l'hanno sostenuto nella sua scelta

Suicida a 18 anni in Dad, la lettera dei genitori a un anno dalla morte: «L abisso che ti ha inghiottito... ci ha lasciato desiderosi di seguirti»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 27 Aprile 2022, 12:18 - Ultimo aggiornamento: 12:44

È trascorso un anno da quando Matteo Cecconi si è tolto la vita a 18 anni in diretta su un forum online. In occasione della commemorazione, la comunità di Bassano ha piantato un albero di ginko biloba. «Mi piace pensare che questo arbusto in fondo ti assomiglia: s’innalza veloce verso l’alto, è pieno di promesse in germoglio, rappresenta l’inizio di un divenire che lo porterà ad essere un albero maestoso…» scrive la mamma nella lettera lasciata tra i rami dell’albero. 

Ahmed Jouider, ritrovato morto nel Brenta. A settembre lì morì un altro ragazzo. L'ombra di una banda che spinge i giovani a uccidersi

«Oggi più che mai sei con noi, si va al mare, si sta insieme», hanno scritto sui social i genitori che ricordando l'amore per il mare del ragazzo. «Un abisso che un po’ t’attirava e un po’ t’intimoriva... Quell’abisso che... un anno fa ti ha inghiottito, lasciandoci dilaniati, attoniti.. Desiderosi di seguirti», continuano.

Sul posto in cui è stato piantato l'abero scrivono: «Sarà luogo di pace e di gioia per i bambini.. sarà vista piacevole per i ragazzi... Sarà momento di pace per noi, che in qualche modo ti vedremo in esso crescere. E lo proteggeremo, perché come te svetta alto. Attraverso esso osserverai, conoscerai, farai esperienza, ma soprattutto avrai tempo, tutto quel tempo per vivere che non ha avuto. Benvenuto tra noi». Una piccola consolazione per quel figlio strappato nel fiore degli anni: «i nostri cuori stanchi iniziano a sentire la tua presenza, chi ci è vicino ti sente assieme a noi, nasce timido un dialogo». 

La Procura di Roma ha oscurato il sito internet Sanctioned Suicide, in cui migliaia di iscritti chiedevano (e ricevevano) consigli su come suicidarsi. La mattina in cui ha deciso di ingerire il nitrito di sodio, Matteo era collegato in chat con una decina di altri ragazzi che l'hanno sostenuto nella sua scelta. Il ragazzo era studente all'Istituto tecnico industriale Fermi di Bassano: il suo suicidio è avvenuto in una pausa tra una lezione e l'altra della didattica a distanza. «Vai e troverai la pace», «non temere vedrai che andrà tutto bene» le parole del gruppo a Matteo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA