COPRIFUOCO

Covid a L'Aquila, festa in casa per 10 extracomunitari: arriva la polizia e si nascondono dentro gli armadi e dietro i divani

Giovedì 3 Dicembre 2020
Covid a L'Aquila, festa in casa per 10 extracomunitari: arriva la polizia e si nascondono dentro gli armadi e dietro i divani

Hanno cercato di nascondersi, come bambini, dentro gli armadi e dietro ai divani. Ma la polizia li ha scovati lo stesso: 10 extracomunitari che davano una festa in casa sono stati individuati e multati. Il Questore de L'Aquila alla luce delle nuove disposizioni anti Covid-19 che hanno portato la Regione Abruzzo allo scenario di tipo 3 Area Rossa, ha fatto scattare una serie di controlli. I poliziotti della Questura dell'Aquila e delle sue articolazioni periferiche con i Commissariati di Ps di Avezzano e Sulmona sono sempre attenti alle attività di controllo del territorio finalizzate al contenimento della diffusione del virus.

Bebe Vio, festa a Treviso con gli amici al bar oltre il coprifuoco delle 18: multata di 400 euro. Poi le scuse

Nel corso di attività di controllo del territorio, gli uomini delle Volanti sono intervenuti presso un appartamento cittadino dove era in corso una festa di compleanno con una decina di cittadini extracomunitari, i quali alla vista dei poliziotti hanno tentato di nascondersi anche dentro gli armadi o dietro i divani. Nel corso dell'intervento gli operatori della Polizia hanno poi verificato che alcuni di loro per partecipare alla festa erano giunti anche da altri comuni della provincia. Tutti i partecipanti sono stati sanzionati. Inoltre, a novembre sono stati controllati 3.582 veicoli, identificate 5.121 persone, contestate 623 violazioni e sanzionate più di 50 persone per violazione alle norme anticovid mentre sono stati denunciati a vario titolo autori di reati di: truffa, falso, lesioni, minacce ed in materia di stupefacenti.

Covid, Carlo e il diario sul ricovero: «La febbre e la paura: immunità di gregge? Magari ritroviamo l'umanità di gregge»

E ancora, gli stringenti controlli della Polizia di Stato hanno permesso di adottare nei confronti di cittadini stranieri, non in regola con le norme che disciplinano il soggiorno sul territorio nazionale, 9 decreti di espulsione. Il Questore di L'Aquila ha adottato 7 provvedimenti di ordine a lasciare il territorio nazionale entro 7 giorni mentre due cittadini albanesi considerati pericolosi per l'ordine e la sicurezza pubblica sono stati accompagnamenti alla frontiera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA