Green pass online falsi, due inchieste a Roma e Milano: in chat No vax il video su come scaricarli

Il Garante ha dato mandato al Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi tecnologiche della Guardia di Finanza di acquisire gli archivi on line e accertarne la provenienza

Green pass online falsi, due inchieste a Roma e Milano: in chat No vax il video su come scaricarli
3 Minuti di Lettura
Sabato 20 Novembre 2021, 16:49 - Ultimo aggiornamento: 22:15

Green pass online falsi, aperte due inchieste a Roma e Milano. E in chat No vax spunta il video su come scaricarli. Sono due, infatti, i fascicoli sulla diffusione di Green pass online aperti dalle Procure di Roma e Milano: il primo è inerente all'indagine avviata anche dal Garante della Privacy sui certificati disponibili all'interno di una nota piattaforma di file sharing, l'altro sui pass reperibili online.

No pass a Roma, in tremila al Circo Massimo senza mascherina

Covid e bambini, a Roma raddoppiano i ricoverati in un mese: i dati del Bambino Gesù»

Le indagini

Sono in corso indagini per risalire agli indirizzi ip di chi ha caricato in rete i certificati e individuare chi li ha acquisiti. Lunedì si terrà un incontro tra il Garante della Privacy e il Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi tecnologiche della Guardia di Finanza.

Garante Privacy avvia indgine

Migliaia di green pass, apparentemente autentici, disponibili online in una nota piattaforma di file sharing e scaricabili da chiunque, con il serio rischio che possano essere manipolati o commercializzati. Considerata la gravità e la pericolosità di questa illecita diffusione di dati personali particolarmente delicati, il Garante per la protezione dei dati personali ha avviato d'urgenza un'indagine per accertare le modalità con le quali questi dati siano finiti in rete e ha dato mandato al Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi tecnologiche della Guardia di Finanza di acquisire gli archivi on line e accertarne la provenienza.

Su chat No vax un video su come scaricarli

Un video in cui una voce fuori campo spiega di aver scaricato «tutto l'archivio italiano» dei certificati fino al 15-16 ottobre, trovato su un comune programma di file sharing, circola sulle chat dei no Green pass, creando dibattito. «Lo Stato non è in grado di tutelare i dati sensibili», è la protesta di chi ha postato il video. C'è chi si informa su quale piattaforma di condivisione utilizzare per ottenere il certificato, ma anche qualche irriducibile che prende le distanze, sostenendo che se si è contrari all'obbligo di Green pass sarebbe ipocrita utilizzarne uno falso. Un utente dello stesso gruppo sminuisce la portata della «fuga» di certificati perché si tratterebbe di pass che non servono a nulla, se non ai fini di studio. Su un altro gruppo, circolano notizie di Green pass in vendita a 250 euro, o due al prezzo di 450 euro.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA