Suicidio assistito, da Welby a Eluana fino a dj Fabo: tutti i casi che hanno scosso le coscienze e mosso i tribunali

Suicidio assistito, da Welby a Eluana fino a dj Fabo: tutti i casi che hanno scosso le coscienze e mosso i tribunali
4 Minuti di Lettura
Martedì 23 Novembre 2021, 11:32 - Ultimo aggiornamento: 11:33

Poter decidere quando terminare la propria vita e interrompere cosi' la propria sofferenza. E' la richiesta che in 11 anni, come un filo rosso, ha legato tanti volti che sono diventati veri e propri emblemi, da Piergiorgio Welby all'ultimo in ordine cronologico, quello del DJ Fabo. Hanno rivendicato il proprio diritto di morire in un deserto legislativo che li ha costretti a ricorrere ai tribunali per cercare di vincere una battaglia diventata anche politica ed etica oltre che personale. Sono le storie di chi, malato senza scampo, ha cercato fino alla fine di morire legalmente aprendo una breccia nel sentimento comune e introducendo anche in Italia la discussione sul fine vita. Il primo a porre il tema dell'autodeterminazione del malato e della scelta sul fine-vita è stato Piergiorgio Welby, affetto da distrofia muscolare in forma progressiva, che inviò al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano una lettera in cui chiedeva l'eutanasia. Era il 2006 quando il tribunale di Roma respinse la richiesta dei legali di Welby di porre fine all'«accanimento terapeutico» dichiarandola «inammissibile» a causa del vuoto legislativo in materia. Ma Welby non si arrese e pochi giorni dopo chiese al medico Mario Riccio di porre fine al suo calvario. Riccio staccò il respiratore a Welby sotto sedazione, fu processato e venne poi assolto dall'accusa di omicidio. E i Tribunali in questa battaglia per il diritto a non soffrire diventano l'unica strada da percorrere. Anche se non sempre le decisioni sono univoche.

Suicidio assistito, chi è Mario il primo italiano ad ottenere il via libera: «La mia vita una prigione»

A Giovanni Nuvoli, malato di Sla di Alghero, viene negato nel 2007 dal tribunale di Sassari il distacco del respiratore. I carabinieri bloccarono il medico che voleva aiutarlo. Nuvoli iniziò allora uno sciopero della fame e della sete lasciandosi morire. Ma il dibattito si è acceso soprattutto nel 2009, con il caso di Eluana Englaro, la giovane di Lecco rimasta in stato vegetativo per 17 anni, che approdò anche in Parlamento. Il Paese si divise tra i favorevoli alla volontà del padre Beppino di far rispettare il desiderio della figlia quando era ancora in vita di porre fine alla sua esistenza se si fosse trovata in simili condizioni, e i contrari. Varie le sentenze di rigetto delle richieste dei familiari, finchè la Cassazione, per ben due volte, non si pronunciò a favore della sospensione della nutrizione e idratazione artificiale.

Nel 2016 invece Walter Piludu, ex presidente della provincia di Cagliari malato di Sla, è morto ottenendo il distacco del respiratore: il tribunale di Cagliari ha autorizzato la struttura sanitaria dove si trovava a sospendere i trattamenti. Nel 2017 esplode il caso di Fabio Antoniani, conosciuto come Dj Fabo, che si è fatto accompagnare in Svizzera da Marco Cappato per ottenere il suicidio assistito, diventando il sesto malato aiutato in questo modo a ottenere l'eutanasia grazie all'Associazione Coscioni. A 39 anni, cieco e tetraplegico dopo un grave incidente stradale, chiedeva di «essere libero di morire». Nel 2018 il primo caso di morte assistita in Italia: Patrizia Cocco, 49 anni di Nuoro, affetta da Sla, manifesta la sua volontà di rinunciare alla ventilazione assistita meccanica. Le viene praticata una sedazione profonda e viene estubata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA