Dj Fabo, Marco Cappato assolto. «Il fatto non sussiste». Applausi nell'aula del tribunale

Un dramma durante un processo già doloroso, quello per la morte di Dj Fabo. Imputato per aiuto al suicidio è Marco Cappato, presente in aula. Mentre sta parlando il suo avvocato, il giudice chiede cinque minuti di pausa. Cappato esce, parla al telefono e piange: la madre, da qualche giorno ricoverata in ospedale, è morta. La moglie lo abbraccia, gli amici gli stringono le spalle e lui con rossi rientra in aula.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani