COVID

Covid, Campania zona rossa, scoppia la protesta a Napoli: in piazza mercatali e disoccupati

Venerdì 13 Novembre 2020
1
Covid, Campania zona rossa, scoppia la protesta a Napoli: in piazza mercatali e disoccupati

Covid, la Campania da domenica diventa zona rossa e scoppia la protesta a Napoli: in piazza mercatali e disoccupati. Due manifestazioni di protesta sono in corso in questo momento a Napoli. All'incrocio tra Cesario Console e via Nazario Sauro circa duecento manifestanti del settore mercatale hanno bloccato il traffico delle auto, protestando al centro della strada con un striscione «Non ci fermeremo mai».

I mercatali chiedono ristori per il loro lavoro fermo. In piazza Municipio il movimento di disoccupati 7 novembre sta invece protestando per le politiche del lavoro ormai ferme, e sulla necessità di ricorrere a una patrimoniale per garantire gli ammortizzatori sociali e ristori.

 

 

Piazza Plebiscito

 

A breve una manifestazione unitaria di diversi movimenti è prevista invece in Piazza Plebiscito, già presidiata da un imponente schieramenti di forze dell'ordine. «Per la sanità e il sostegno economico di tutti patrimoniale ai ricchi». Questo lo striscione esposto da circa cento manifestanti davanti all'ingresso della Prefettura a di Napoli, in Piazza Plebiscito. I manifestanti hanno acceso alcuni fumogeni rossi. Un altro striscione porta la scritta «No alla chiusura dell'ospedale San Gennaro». L'ingresso del Palazzo di Governo è presidiato dalla polizia in tenuta antisommossa e su Piazza Plebiscito sorvola un elicottero della polizia.

 

Le urla

 

«Siamo diventati zona rossa - urlano - e ora ci dovete aiutare. Già siamo in ginocchio e non possiamo sostenere altre restrizioni. Siamo tutti d’accordo che sia il momento di mettere fine ai contagi ma non possiamo pagare ancora noi. Ora si “deve prendere dai ricchi per dare ai poveri”. Non riusciamo neanche più ad arrangiarci. Siamo allo stremo».

 

De Luca: «Governo vada a casa, genera caos». Di Maio: le sue sceneggiate le pagano i campani

De Luca: “Sciacallaggio forma di anti meridionalismo e anti napoletanismo. Manteniamo la dignità”

 

 

Covid Veneto, bollettino: 3.605 nuovi contagi. Luca Zaia: "Niente happy hour a mezzogiorno". L'ordinanza

Sull'emergenza "chiedo a tutti i veneti di stringere i denti, di rispettare le nuove restrizioni. Il senso dell'ordinanza di ieri non è quello di trovare la scappatoia per fare l'happy hour a mezzogiorno".


 

 

 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 20:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA