CORONAVIRUS

Coronavirus Veneto, Zaia firma nuova ordinanza: «Altri allentamenti, raschio il fondo del barile ma non è un libera tutti. Gli anziani? Non vanno chiusi in casa»

Venerdì 24 Aprile 2020
Coronavirus Veneto, Zaia firma nuova ordinanza: «Altri allentamenti, raschio il fondo del barile»

«Firmo nuova ordinanza, voglio raschiare il fondo del barile»: lo annuncia il governatore del Veneto Luca Zaia.  Il Veneto anticipa a oggi così alcune deroghe alle restrizioni nel commercio legate al coronavirus: viene dato il via libera nella regione alla vendita del cibo per asporto nei take away, pasticcerie e gelaterie - finora era possibile solo la consegna a domicilio - mantenendo il divieto di consumo all'interno dei locali dell'esercizio. Negozianti e clienti dovranno avere mascherine e guanti, e rispettare il distanziamento di un metro. Altro allentamento riguarda le aperture di librerie, cartolerie e negozi di abbigliamento per bambini, per i quali non vale più il limite dei due giorni a settimana. «Abbiamo raschiato il barile - ha detto Zaia - togliendo tutto ciò che si poteva per quanto è consentito dalla legge. Ma sia chiaro, non è il libera tutti».  «La nostra ordinanza di oggi non ha alcuna finalità di contrapposizione con quelle che saranno le misure nazionali. È l'interpretazione e il riordino, in molti casi l'allineamento, con altre realtà regionali e con lo stesso Dpcm vigente», assicura ilgovernatore.

Coronavirus Veneto, Zaia: «La discesa è ormai importante, pronti a riaprire già il 27 aprile»

Coronavirus, sindaci contro i governatori. Ed è battaglia sulle riaperture

Il documento comprende, anche la revoca delle restrizioni per l'attività edilizia, purché sul patrimonio esistente, la coltivazione ad uso agricolo per auto-consumo, la vendita di prodotti florovivaistici, il taglio boschivo per ragioni di necessità e l'accesso ai cimiteri con obbligo di distanziamento. «Il mio parere è che non sia corretto chiudere in casa gli anziani. Ma le linee guida sono nazionali; anche in questo caso noi potremmo solo adottarne di più restrittive, nel caso, non di più larghe: «magari si potrebbe chiedere ai supermercati di riservare a loro la prima ora di apertura negli acquisti», ha aggiunto Zaia.
 

Ultimo aggiornamento: 14:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA