DONALD TRUMP

Petrolio, Trump blocca le importazioni dall'Iran: vola il prezzo del barile

Lunedì 22 Aprile 2019
L'amministrazione americana di Donald Trump impone lo stop totale all'import di petrolio iraniano, annunciando che il 2 maggio prossimo non rinnoverà le esenzioni di 180 giorni concesse a otto paesi, tra cui l'Italia, tramite l'Eni. Chi non si adegua subirà le sanzioni americane.

Una mossa che segna una ulteriore escalation della «campagna di massima pressione» contro Teheran dopo l'uscita un anno fa dall'accordo sul nucleare e la recente designazione del corpo dei guardiani della rivoluzione come organizzazione terroristica straniera. Ma che fa schizzare in alto il prezzo del barile di oro nero (più 3 per cento circa, a quasi 66 dollari al barile, vicino ai massimi degli ultimi sei mesi) ed aumentare le tensioni con la Cina e con la Turchia, due degli otto Paesi che avevano ottenuto le esenzioni e tra i maggiori importatori del greggio iraniano.

Pechino si oppone «alle sanzioni unilaterali e alla giurisdizione ad ampio raggio», ha commentato il portavoce del
ministero degli Esteri cinese Geng Shuang, per il quale gli accordi siglati di Pechino con Teheran sono «ragionevoli e legittimi». La Cina «proteggerà i suoi legittimi diritti», ha aggiunto Geng, senza dare ulteriori indicazioni sulle possibili risposte. Pechino, che importa circa la metà del suo fabbisogno di greggio, sarà uno degli ostacoli principali per gli Stati Uniti nell'attuazione del blocco alle exportazioni della fonte primaria di reddito iraniana, con possibili contraccolpi nei negoziati commerciali sui dazi.

Anche Ankara, con cui i rapporti sono già tesi, respinge la decisione unilaterale degli Stati Uniti e «le imposizioni su
come condurre i rapporti con i propri vicini». Secondo il ministro degli esteri turco Mevlut Cavusoglu, la decisione di
Washington non servirà alla pace ed alla stabilità regionale, nonchè danneggerà i cittadini iraniani». La mossa Usa metterà in difficoltà pure l'India, tra i principali importatori di greggio iraniano. Il Giappone e la Corea del nord sono relativamente meno dipendenti dal petrolio di Teheran e hanno cominciato a comprarne meno. Italia, Grecia e Taiwan avevano invece già ridotto i loro acquisti.

In ogni caso Trump tira dritto per la sua strada e tenta di rassicurare i mercati annunciando un coordinamento con Arabia Saudita, Emirati Arabi ed altri Paesi dell'Opec per colmare il vuoto lasciato dal greggio iraniano. «Abbiamo concordato di prendere azioni al momento giusto per garantire che la domanda globale sia soddisfatta, mentre tutto il petrolio iraniano è rimosso dal mercato», garantisce la Casa Bianca, contando anche sulle previsioni di una domanda inferiore all'offerta nel 2019. La decisione, spiega, «mira ad azzerare l'export di petrolio iraniano, negando al regime la sua principale fonte di entrate».

L'Iraq ha già annunciato in modo non ufficiale di essere pronto ad esportare 250 mila barili in più al giorno di
petrolio. E gli Stati Uniti ad aumentare la loro produzione, come ha fatto sapere il segretario di stato Mike Pompeo,
sottolineando che «l'amministrazione Trump ha portato l'export del petrolio iraniano ai suoi minimi storici»: le previsioni indicano circa 1 milione di barili al giorno di greggio nello scorso marzo, contro i 2,5 milioni dell'aprile 2018, il mese prima che gli Stati Uniti decisero di uscire dall'accordo sul nucleare. Ultimo aggiornamento: 20:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma