Nuova Zelanda, le immagini della strage in livestream su Facebook come in un videogame

Venerdì 15 Marzo 2019
Nuova Zelanda, le immagini della strage in livestream su Facebook come in un videogame

Come in un videogame: l'australiano Brenton Tarrant, uno dei killer della strage alle moschee di Christchurch, in Nuova Zelanda, prima di compiere l'assalto imbracciando le mitragliatrici e aprire il fuoco contro decine di persone, ha posizionato sulla sua testa una telecamera per filmare e trasmettere in diretta le immagini di quel folle e tragico gesto.

Nuova Zelanda, suprematisti bianchi assaltano moschee: 40 morti, tre arrestati. Spunta il nome di Luca Traini

Nuova Zelanda, chi è il killer delle moschee: Brenton Tarrant, 28 anni, suprematista bianco
 


Diciassette minuti di terrore in live streaming. La strage nella moschea di Christchurch è stata trasmessa per 17 minuti in live stream dal terrorista, identificato dalla polizia australiana come Brenton Tarrant, un 28enne bianco nato in Australia. L'uomo ha pubblicato sui social anche un manifesto, una sorta di rivendicazione degli attacchi intrisa di ideologia di estrema destra, anti-Islam ed anti-immigrati. Il capo della polizia della Nuova Zelanda ha esortato a non condividere il video che «non dovrebbe essere di pubblico dominio», e la polizia sta facendo di tutto per rimuoverlo anche con la collaborazione delle società di social media. Twitter ha chiuso l'account di Tarrant, mentre la responsabile di Facebook per l'Australia e la Nuova Zelanda, Mia Garlick, ha detto di essere stata avvisata «poco dopo l'inizio del livestream» e di aver rimosso gli account su Facebook ed Instagram del terrorista. Nonostante gli appelli della polizia, alcuni media australiani hanno trasmesso il video, in modo integrali all'inizio e poi solo alcune scene, e l'hanno pubblicato sui siti come ha fatto Ten Daily che, secondo quanto riporta il Guardian, in un secondo momento ha rimosso il filmato.

I fucili mitragliatori. Le due mitragliatrici usate dall'autore della strage nelle moschee di Christchurch, in Nuova Zelanda, erano coperte con scritte in inchiostro bianco che facevano riferimento ad antiche battaglie e più recenti attacchi contro le comunità musulmane: tra queste, una riportava anche il nome 'Luca Traini', l'estremista di destra autore dell'attacco contro migranti compiuto l'anno scorso a Macerata. Lo riporta il sito australiano News.com.au che pubblica una parte del video della strage, ripreso e trasmesso in diretta streaming dallo stesso terrorista.

Ultimo aggiornamento: 13:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma