Torrice, cena di compleanno finisce a coltellate: feriti il festeggiato, il padre e il cugino

Venerdì 31 Luglio 2020 di Marina Mingarelli

Festa di compleanno finisce a coltellate. È successo la scorsa notte davanti al ristorante "L'antico ruscello" a Torrice dove tre persone sono rimaste seriamente ferite. Si tratta del padre del festeggiato, un commerciante di 45 anni originario di Alatri, il figlio, che stava spegnendo le sue 18 candeline, ed un cugino di 27 anni. Dalle prime informazioni raccolte sembra che tutto sia avvenuto per futili motivi.

Una parola di troppo (complice anche qualche bicchiere di vino in più ) mentre i commensali si stavano divertendo cantando al karaoke ed ecco che si è scatenata una vera e propria rissa che si è conclusa con il drammatico epilogo.

La scazzottata è proseguita fuori dal locale perché il proprietario vista la mal parata ha invitato i facinorosi ad uscire dal ristorante. Ma una volta giunti nel piazzale qualcuno ha tirato fuori il coltello. Il padre del festeggiato mentre cercava di difendersi dai calci e pugni che venivano sferrati all'impazzata, è stato colpito all'inguine con l'arma da taglio, mentre il figlio ed il cugino sarebbero stati raggiunti dai fendenti all'addome ed alle gambe.

Trasportati dai medici dell'ambulanza del 118 presso l'ospedale "Spaziani" di Frosinone i tre feriti dopo aver ricevuto le prime cure e sono stati sottoposti a tutti gli esami diagnostici e radiografici del caso. Il genitore del festeggiato è stato l'unico ad essere dimesso mentre il diciottenne ed il cugino si trovano ancora ricoverati presso il nosocomio frusinate.

Ad avere la peggio il parente di 27 anni che ha dovuto subire un delicato intervento chirurgico in quanto è stato ferito vicino all'arteria femorale. Pochi millimetri ancora e per il giovane sarebbe stata la fine.

Sulla vicenda stanno indagando i carabinieri della stazione di Torrice per competenza. I militari stanno visionando i fotogrammi estrapolati dalle telecamere installate all'esterno del locale proprio per dare un nome ed un volto alle persone che sarebbero state viste mentre brandivano il coltello tra le mani.

Uno dei due malviventi, proprio a seguito delle testimonianze raccolte, sarebbe stato riconosciuto da alcuni avventori del locale. Ma su questo aspetto vige il massimo riserbo. Da indiscrezioni trapelate sembra però che gli elementi raccolti dai carabinieri dovrebbero portare nel giro di poco tempo a stringere il cerchio intorno agli accoltellatori. Gli investigatori sono convinti che ad accoltellare le vittime siano state almeno due persone.

Al momento si è appreso che le tre persone ferite si sono rivolte all'avvocato Roberto Capobianco per essere rappresentate nelle opportune sedi. Intanto, va detto, i carabinieri che stanno svolgendo le indagini hanno denunciato per il reato di rissa tutte le persone presenti fuori e dentro il locale, comprese quelle che sono rimaste ferite.

Ultimo aggiornamento: 1 Agosto, 09:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA