Era scomparso da casa, ritrovato morto in un rudere il bidello Roberto Quadrini. Choc ad Arpino

Martedì 4 Maggio 2021 di Roberta Pugliesi
Era scomparso da casa, ritrovato morto in un rudere il bidello Roberto Quadrini. Choc ad Arpino

Esce di casa e viene trovato senza vita 24 ore dopo. Tragedia ad Arpino dove un collaboratore scolastico di 60 anni - Roberto Quadrini - è stato rinvenuto senza vita ieri mattina poco prima di mezzogiorno in località Regina Paradiso, sulla provinciale per Fontana Liri. Per diverse ore lunedì e per tutta la mattinata di ieri, di fronte alla denuncia di scomparsa presentata dalla famiglia che si è insospettita del mancato rientro a casa dell'uomo, i carabinieri della stazione di Arpino guidati dal luogotenente Tiziano Sbardella hanno cercato il 60enne.

Alle ricerche serrate hanno partecipato anche i Vigili del fuoco del distaccamento di Sora, i volontari della Protezione Civile di Arpino e Sora, con l'ausilio di un drone che ha sorvolato a lungo il territorio. Sono state battute strade principali e vie laterali, senza tralasciare nulla. Fino al momento in cui è avvenuto il ritrovamento della sua automobile: una Opel Astra station wagon di colore bordeaux.

La vettura era stata posteggiata proprio a ridosso dell'ex mattatoio posto nella zona compresa tra la provinciale per Fontana Liri e località Regina Paradiso. Dal momento della scoperta della macchina fino al rinvenimento del corpo senza vita sono trascorsi pochi minuti. Poi il tragico epilogo. Sul posto è stata fatta arrivare anche una ambulanza del 118 ma a nulla sono valsi i tentativi di rianimare l'uomo che era già morto da ore.

Il magistrato della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cassino che si è occupato della vicenda ha rilasciato il nulla osta per il rito funebre, dopo l'ispezione esterna eseguita dal medico legale, il dottor Bruno Vano. La morte di Roberto Quadrini, 60enne collaboratore scolastico che prestava servizio presso l'Istituto Comprensivo, risale quasi certamente al pomeriggio di lunedì. Non ci sarebbero dubbi sulle cause del decesso che si riconduce ad un gesto volontario.

Avrebbe lasciato anche uno scritto ai familiari, alla moglie ed ai figli, che distrutti dal dolore non riescono a spiegarsi il gesto del loro congiunto. Nulla, infatti, lasciava immaginare quello che sarebbe successo. La salma è stata ricomposta nella chiesa di San Sosio. I funerali verranno celebrati oggi pomeriggio alle 15.30 nella chiesa di San Michele Arcangelo nel comune di Arpino. Roberto Quadrini, come riferiscono coloro che lo conoscevano, era un uomo riservato ma cordiale, una persona perbene, seria ed affidabile, un brav'uomo.

 

Ultimo aggiornamento: 6 Maggio, 09:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA