TERREMOTO

Terremoto, la terra trema ancora: controlli dopo la paura

Sabato 9 Novembre 2019 di Roberta Pugliesi
Notte di paura a Sora e nei centri limitrofi dopo la nuova scossa di terremoto delle 00.19 di magnitudo 3.5 con epicentro a Balsorano. E scuole chiuse anche nella giornata di oggi. Il lungo sciame sismico che da ormai oltre 48 ore sta interessando il territorio compreso fra la Valle di Roveto e le Valli del Liri e di Comino ha suscitato forti preoccupazioni fra la popolazione anche a seguito dei danni in numerose abitazioni. Molti cornicioni si sono staccati e sono finiti a terra, così come intonaci e grondaie. Nella basilica minore di San Domenico sarebbero caduti alcuni intonaci. Ma la preoccupazione maggiore a Sora è data dal movimento franoso che ha interessato la collina di Santa Apollonia, alle spalle del santuario dei padri passionisti. Per tutta la serata di giovedì i volontari della protezione civile hanno monitorato il costone dopo che un grosso masso di circa 60 cm di diametro è rotolato finendo in mezzo alla strada. Fortunatamente, nessuno in quel momento si trovava a transitare lungo la via altrimenti si sarebbe potuta verificare una tragedia.

LE VERIFICHE
Per tutta la mattinata di ieri, ma anche nel pomeriggio, i tecnici del Comune hanno effettuato accurati sopralluoghi in tutti gli istituti scolastici di ogni ordine e grado: non sono stati rilevati danni strutturali, anche se il sindaco De Donatis ha emanato l'ordinanza di chiusura delle scuole anche per la giornata di oggi «in ragione della necessità di adempiere in modo ineccepibile al monitoraggio della idoneità statica degli edifici scolastici». Il primo cittadino invita la cittadinanza a seguire sui canali informativi del Comune ogni ulteriore aggiornamento. Scuole chiuse anche nelle vicine Arpino e Isola Liri, riaperte invece nella Valle di comino dove a seguito dei sopralluoghi non sono emerse situazioni di pericolo a strutture pubbliche.

I DANNI
I danni più rilevanti sono stati quelli, invece, che hanno riguardato le abitazioni di Sora - in via Napoli ad esempio e nel centro storico - dove sono comparse numerose crepe nei muri generando uno stato di preoccupazione molto forte fra i proprietari. L'inaugurazione della mostra Le macchine funzionanti tratte dai codici di Leonardo Da Vinci, che sarebbe dovuta avvenire nella giornata di oggi all'interno delle sale del museo civico della media Valle del Liri in piazza Mayer Ross, è stata rinviata a lunedì 11 novembre alle 10.30. Come detto il terremoto è stato avvertito indistintamente anche nei comuni limitrofi come Pescosolido, Isola Liri, Arpino, Broccostella e Campoli Appennino, dove la popolazione si è riversata in strada anche dopo la scossa delle 00.19.

IL GEOLOGO
E proprio dal paese dell'orso e del tartufo arriva l'intervento del geologo campolese Angelo Cipriani: «Lo sciame sismico potrebbe essere solo agli albori del suo ciclo, in quanto iniziato da pochi giorni. Inoltre l'evento di magnitudo 4.4 potrebbe non essere l'evento sismico principale, come detto anche dal presidente dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, Carlo Doglioni. Dal punto di vista sismico, gli eventi che si stanno registrando sono del tutto congruenti con la sismicità dell'area e cioè con terremoti legati all'azione di faglie dirette che fanno scendere blocchi di crosta terrestre rispetto ad altri che, invece, si sollevano. In particolare, il blocco che sta scendendo in questa zona è quello verso il fiume Liri e la piana di Sora, mentre quello che si solleva è l'area montuosa della Marsica». Insomma l'allerta resta massima e la popolazione sì è attivata scegliendo di dormire ai piani bassi magari con una piccola borsa con il necessario vicino alla porta. Soprattutto a Sora, che dista appena 14 km dall'epicentro, la preoccupazione è forte. Dal Comune hanno anche pubblicato l'elenco dei punti di raduno in caso di emergenza, consultabile sulla pagina Facebook dell'ente o sul sito istituzionale.
Ieri intanto altre scosse: le più intense quelle di magnitudo 2, 2.6 e 2.3 con epicentro nella zona di Balsorano rispettivamente alle 00.32, alle 11.43 e alle 20.07, mentre nell'area di Pescosolido un sisma pari a 2.1 della scala Richter è avvenuto nella notte, alle 5.38, seguito da alcune inferiori, strumentali.

  Ultimo aggiornamento: 23:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma