La scomparsa di Umberto Eco,
un anno fa era stato insignito
di un'onorificenza a Roccasecca

Sabato 20 Febbraio 2016

«Anche la città di Roccasecca partecipa al dolore per la scomparsa di Umberto Eco. Lo scorso anno, esattamente il 14 marzo 2015, il professor Eco, proprio a Roccasecca, fu insignito dell’onorificenza San Tommaso D’Aquino, con la quale il Comune premia i protagonisti del mondo della cultura che attraverso le loro opere hanno contribuito a far conoscere e diffondere il pensiero dell’Angelico Dottore». Così in una nota il Comune.

A ricordare la giornata e a esprimere sentimenti di cordoglio, il sindaco di Roccasecca Giovanni Giorgio: «Personalità straordinaria Umberto Eco, non solamente un intellettuale sopraffino, protagonista del dibattito culturale contemporaneo, ma una persona di una grande umanità. Così mi piace ricordarlo, dopo averlo conosciuto in occasione della consegna del Premio San Tommaso lo scorso anno. Affabile e dai modi squisiti, così come puntuale e arguto nei ragionamenti. La cultura contemporanea perde uno dei suoi pilastri.
In questo giorno di lutto - ha concluso Giorgio - rivolgo un sentito cordoglio alla famiglia, sottolineando come la giornata vissuta lo scorso anno, in occasione della presenza a Roccasecca di Eco, è destinata a rimanere nella storia della città, ancora una volta nel nome e nel segno del nostro più grande concittadino: San Tommaso D’Aquino, frate domenicano, al cui ordine appartiene anche il nostro santo patrono, San Pietro Martire».
  Ultimo aggiornamento: 17:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani