Isola del Liri, rissa a Capodanno:
in quattro finiscono in ospedale

Rissa di Capodanno ad Isola Liri, coinvolte cinque persone. E’ accaduto dinanzi al «Grey» un noto e frequentato locale della città della movida. In quattro sono finiti al pronto soccorso. La mezzanotte era scoccata da circa due ore ma all’interno del locale c’erano centinaia di persone festanti che ballavano e festeggiavano l’arrivo del nuovo anno. All’esterno, invece, alcune persone hanno iniziato a litigare, sembra per questioni di lavoro. Tra i litiganti tre ragazzi di Monte San Giovanni Campano, una giovane di Sora, un’altra di Trevi nel Lazio. Dapprima sono volati insulti; poi, dalle parole sono passati ai fatti e la situazione è degenerata.
Ecco cosa è accaduto: un gruppo di amici, composto da due ragazze e due ragazzi, tutti di età compresa fra i 20 ed i 25 anni, è arrivato nel locale. Lì davanti, all’esterno, il gruppetto si è imbattuto in un ragazzo di Monte San Giovanni Campano, forse non solo, che alla vista dei quattro avrebbe iniziato a maltrattarli verbalmente dicendo loro che dovevano andarsene immediatamente, che lì non dovevano starci. I quattro hanno chiesto spiegazioni e la risposta sarebbe stata un calice di spumante versato in faccia ad uno dei ragazzi. A quel punto la situazione è diventata incandescente con calci e pugni, al punto che è dovuto intervenire anche il personale del locale, sebbene il tutto sia avvenuto fuori dalla discoteca. Anche alcuni presenti hanno cercato di dividere i ragazzi. Sul posto sono giunti i Carabinieri della stazione di Sora e le ambulanze dell’ Ares 118. In quattro, i due ragazzi e le due amiche, sono finiti al pronto soccorso dell’ospedale di Sora. Al personale medico hanno riferito di essere stati aggrediti da un conoscente. I due ragazzi di Monte San Giovanni Campano sono stati medicati e per loro la prognosi è di una settimana mentre le due ragazze hanno accusato dei malori ed una contusione, forse per un pugno scagliato non si sa se volontariamente o meno. Per loro la prognosi è di cinque giorni. I Carabinieri hanno avviato tutti gli accertamenti e non si esclude che possano essere adottati provvedimenti nei confronti di qualcuno.
Martedì 2 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 16:33

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP