Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Furbetto del bonus Cultura18 App: giovane di Ceprano indagato e multato di 1500 euro

Furbetto del bonus Cultura18 App: giovane di Ceprano indagato e multato di 1500 euro
di Marina Mingarelli
3 Minuti di Lettura
Venerdì 29 Luglio 2022, 06:58

CEPRANO
Dopo i furbetti del reddito di cittadinanza, arrivano i furbetti del Bonus cultura 18 app. Si tratta del contributo di 500 euro che lo Stato versa a coloro che hanno compiuto la maggiore età. Da sottolineare però che i beneficiari hanno in mano un voucher con l'importo di quella somma che possono spendere soltanto in iniziative e progetti culturali.
Nello specifico possono acquistare computer, uno strumento musicale, seguire corsi di lingue, di musica, andare al cinema e infine acquistare libri, ma non possono spenderli per acquistare telefonini o per pagarsi una vacanza.
Come spesso accade in questi casi, qualcuno ha pensato bene di organizzarsi per ottenere denaro liquido senza effettuare alcuna compera. E proprio in questa ottica è stata avviata una operazione della Guardia di Finanza di Napoli. Operazione che ha smascherato numerosi furbetti del bonus cultura 18App messi a disposizione per i neomaggiorenni da parte del Ministero della Cultura. Tra le persone indagate c'è anche un 19enne cepranese. Secondo quanto emerso dagli elementi raccolti dagli investigatori, il giovane, che è difeso dall'avvocato Pietro Polidori, avrebbe dichiarato falsamente l'acquisto di beni rientranti nell'iniziativa culturale e creava il buono virtuale. Il buono sarebbe stato convalidato da un esercente napoletano, finito sotto processo per truffa, ma l'acquisto di merce non sarebbe mai avvenuta.
IL MECCANISMO

Al contrario il titolare del voucher riceveva una somma di denaro, trecento euro) inducendo in errore la Consap s.p.a. (società in house del ministero dell' economia e delle finanze).
Al momento al il ragazzo ceprenese così come per altri numerosi indagati, è stato contestato il reato di indebita percezione di erogazioni da parte dello stato. Per tale motivo è stata applicata immediatamente la sanzione amministrativa di euro 1500, pari al triplo del beneficio indebitamente conseguito. Il bonus cultura va avanti dal 2016 ed è giunto ormai alla sua sesta edizione. Ideato per sostenere la diffusione della cultura tra i giovani mediante l'acquisto di prodotti e attività culturali di vario tipo. Questo buono è disponibile in forma elettronica per tutti i 18enni che si registrano sul portale 18app.
Per beneficiare del Bonus bisogna aver raggiunto la maggiore età nel 2021. I ragazzi che sono nati nel 2003 potranno registrarsi sul sito web per richiedere il contributo dello Stato entro il 31 di agosto.
Marina Mingarelli
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA