Cassino. Due donne rubano merce e aggrediscono la negoziante

Cassino. Due donne rubano merce e aggrediscono la negoziante
2 Minuti di Lettura

Sono entrate nel supermercato ed hanno fatto spesa. Nel carrello hanno messo detersivi, lenzuola e un candelabro, ma arrivate alle casse non hanno pagano ed aggredito la responsabile dell'attività commerciale: arrestate.
E' quanto avvenuto a Cassino all'interno di un supermercato del centro, dove i carabinieri della sezione radiomobile, assieme ai colleghi della stazione, hanno arrestato due donne (una delle quali di etnia rom). Si tratta di una 24enne di Piedimonte San Germano e una 21enne di Mondragone (Caserta), le quali devono rispondere di rapina in concorso.
Tutto è cominciato intorno alle 18 di martedì, quando, secondo la ricostruzione dei carabinieri, le due donne sono arrivate all'interno del supermercato, dove, dopo aver prelevato alcuni prodotti esposti sugli scaffali, si sono dirette alla casa, ma senza pagare il corrispettivo delle merce.
Nel momento in cui stavano per lasciare l'attività commerciale sono state raggiunte dalla responsabile del punto vendita che ha contestato loro l'ammanco della merce.
Le ha chiesto il pagamento della merce, ma per tutta risposta ci sarebbe stata un'aggressione a suon di pugni e schiaffi.
Nella confusione generale che si è creata alla casse del supermercato, qualcuno ha chiesto l'intervento dei carabinieri. Gli uomini del capitano Scolaro sono subiti intervenuti ed hanno bloccato le due donne che si stavano allontanando con tutta la merce riposta in una borsa.
I carabinieri hanno subito recuperato la refurtiva, del valore di 200 euro, che è stata restituita alla responsabile dell'attività commerciale. Tanto lo spavento per la responsabile che, a seguito dell'aggressione, è stata accompagnata al pronto soccorso dell'ospedale Santa Scolastica, dove le è stata attribuita una prognosi di cinque giorni.
Le due donne, invece, al termine delle formalità di rito, sono state condotte nelle rispettive abitazioni e poste agli arresti domiciliari in attesa del giudizio direttissimo.

Giovedì 28 Gennaio 2021, 10:50 - Ultimo aggiornamento: 20:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA