BOLLETTINO

Covid Frosinone, cinque nuovi casi tra Pontecorvo e Sora: nel Lazio l'indice di contagio resta basso

Sabato 19 Settembre 2020

Il Covid rialza la testa: cinque nuovi casi nelle ultime 24 ore. Due positivi sono stati registrati a Pontecorvo, si tratta di un 26enne e un 48enne collegati a un caso precedente di pochi giorni fa. Altri due positivi ci sono stati a Sora, con una donna di 68 anni e un uomo di 32. È sintomatica, invece, una donna di 71 anni di Roccasecca, trasferita in un centro Covid della Capitale. In questi giorni prosegue con grande attenzione l’azione di monitoraggio e prevenzione per individuare gli asintomatici, per questo ci sono stati nelle ultime 24 ore altri 500 tamponi i cui esiti sapranno nelle prossime ore.

Nel Lazio su 11 mila tamponi eseguiti si sono registrati 193 casi di questi 108 sono a Roma e zero i decessi. Nella valutazione del Ministero il valore di contagio è a 0.54.

Tra le province laziali, a Frosinone c’è stato il numero più basso di casi. Nell’Asl di Latina sono stati registrati sedici casi e si tratta di sei casi di rientro, uno con link dalla Sardegna, uno dalla Campania, uno da Singapore, uno dalla Grecia, due dalla Sicilia. Due hanno un link al cluster del mercato ittico dove è in corso l’indagine epidemiologica, un caso è stato individuato in fase di pre-ospedalizzazione e quattro contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl di Rieti ci sono stati quindici casi e si tratta di tredici casi con link ad un cluster in una Rsa dov’è in corso l’indagine epidemiologica. Nella Asl di Viterbo, infine, si sono registrati dodici casi e si tratta di un caso di rientro dall’Ucraina e cinque contatti di casi già noti e isolati.

Il 30 settembre terminerà la campagna di prevenzione nelle scuole con i test sierologici, poi ci sarà la campagna di vaccinazione antinfluenzale obbligatoria, rivolta ai bambini fino a sei anni, al personale sanitario e ai soggetti con particolari patologie. Campagna ritenuta dagli esperti importantissima per evitare sovrapposizioni di sintomi tra il Covid e l’influenza stagionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA