Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Istat: «Incertezza Ucraina e choc sui prezzi dell'energia faranno scendere il Pil: -0,7 punti nel 2022»

Istat: «Incertezza Ucraina e choc sui prezzi dell'energia faranno scendere il Pil: -0,7 punti nel 2022»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 9 Marzo 2022, 12:06

Un ribasso del Pil italiano di 0,7 punti percentuali nel 2022. È la stima dell'Istat dell'impatto della crisi ucraina. Una stima «estremamente difficile - precita l'Istat - L'evoluzione del conflitto e gli effetti delle sanzioni finanziarie ed economiche decise dai paesi occidentali sono caratterizzati da elevata incertezza. Al momento, è possibile valutare l'impatto dello shock sui prezzi dei beni energetici rispetto a uno scenario base. Utilizzando il modello macroeconomico dell' Istat MeMo-It, il confronto evidenzia un effetto al ribasso sul livello del Pil nel 2022 di 0,7 punti percentuali». 

Ucraina, la diretta. Kiev, accordo con Mosca: corridoi umanitari aperti tutto il giorno. Il Cremlino: progressi nei negoziati, non vogliamo rovesciare il governo

Le prospettive su consumi e risparmio

Quanto alle prospettive per la congiuntura, l'Istat spiega in particolare che l'attività economica italiana verrebbe condizionata negativamente dal più basso livello dei consumi delle famiglie che si accompagnerebbe a una riduzione della propensione al risparmio. Rispetto allo scenario base risulterebbe più bassa sia l'occupazione, sia il saldo della bilancia di beni e servizi misurato in percentuale di Pil. Nella nota mensile di febbraio si ricorda che ai preesistenti fattori di rischio al ribasso che caratterizzavano la congiuntura mondiale si è aggiunta la crisi geopolitica internazionale che ha innescato un'ulteriore accelerazione dei prezzi delle commodity energetiche e alimentari, giunti a livelli eccezionalmente elevati «che dovrebbe colpire in misura maggiore i paesi europei fortemente dipendenti dalle importazioni di gas naturale russo». La crisi, per altro, si è inserita all'interno di un periodo di ripresa economica internazionale caratterizzata da un particolare dinamismo degli scambi mondiali. «Le prospettive degli scambi e degli acquisti di beni energetici saranno influenzate fortemente dall'evoluzione, al momento molto difficile da prevedere, del conflitto in corso», si legge ancora.

Putin, il mega yacht di 140 metri (da 700 milioni di dollari) a Marina di Carrara è il suo? Indaga la Finanza

Le materie prime dalla Russia

«La Russia - aggiunge l'Istat - nel complesso ha un ruolo modesto come fornitore di prodotti per l'Italia (3% la quota sul totale delle importazioni) ma è determinante per l'approvvigionamento di materie prime, fornendo oltre il 40% degli acquisti di gas dell'Italia dall'estero e oltre il 10% dei prodotti petroliferi raffinati. Il mercato russo è inoltre una delle dieci principali destinazioni dell'export dei prodotti italiani dei settori dei mobili, abbigliamento e macchinari». Tra le varie voci di analisi, il rapporto si sofferma su famiglie e mercato del lavoro e rileva che «idati disponibili sulle famiglie evidenziano una prima flessione dei consumi che si associa all'affievolirsi della fase di ripresa del mercato del lavoro». E precisa che l'evoluzione di quest'ultimo si è associata a quella dell'attività produttiva con un rallentamento tra ottobre e dicembre della crescita delle unità di lavoro e delle ore lavorate (+0,3% e +0,2% la variazione congiunturale) e, a gennaio, una stabilizzazione del tasso di occupazione. La domanda di lavoro da parte delle imprese tuttavia ha mantenuto un orientamento positivo. Nel quarto trimestre, il tasso di posti vacanti è salito al 2,1% (+0,1 rispetto ai tre mesi precedenti) sostenuto dalle richieste delle imprese con più di 10 addetti. Anche le attese sull 'occupazione registrate tra le imprese, a febbraio, segnalavano ulteriori progressi rispetto ai mesi precedenti in tutti i settori ad eccezione del commercio al dettaglio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA