LUIGI DI MAIO

Salario minimo, Di Maio accelera. Ocse: «Nove euro l'ora cifra molto alta»

Lunedì 17 Giugno 2019 di Alberto Gentili
8
Di Maio accelera sul salario minimo. Ocse: «Nove euro/ora cifra molto alta»

Dopo aver dovuto ingoiare dalle elezioni europee del 26 maggio tutti i diktat di Matteo Salvini, Luigi Di Maio prova a rialzare la testa. E in una sola giornata getta sul tavolo giallo-verde la nuova agenda programmatica dei 5Stelle: dal salario minimo al taglio del cuneo fiscale, dalla riforma del conflitto d'interessi alla flat tax per il ceto medio. Oltre a scandire un no secco a rimettere mano al decreto dignità, che la Lega vorrebbe rivedere per allentare la stretta sui contratti a termine.
Quello del leader grillino, che poco prima dell'ora di pranzo riunisce a palazzo Chigi i suoi ministri «per dimostrare la solidità e la compattezza della squadra», non è soltanto un sussulto d'orgoglio e un modo per evitare di essere gettato definitivamente nell'ombra e reso marginale da Salvini. Il sì alla tassa piatta cara al leader leghista è soprattutto un espediente per «non offrire pretesti» alle tentazioni del Carroccio di andare a elezioni in settembre, prima che si chiuda la finestra elettorale di metà luglio. «La situazione è tutt'altro che serena», spiega Di Maio a Toninelli & C. «noi siamo di parola e vogliamo andare avanti per 4 anni, ma Salvini tentenna, è preso d'assedio dai Giorgetti e dai colonnelli leghisti che vogliono andare a elezioni in settembre convinti di poter vincere da soli. E il casus belli potrebbe essere proprio la flat tax che Salvini potrebbe cavalcare comodamente in campagna elettorale, insieme al no all'austerità europea. Dunque, fino a metà luglio, guardia alta. Poi, chiusa la finestra elettorale, vedremo...». Sospetti tanto grandi (e fondati) che nel pomeriggio vengono rilanciati ufficialmente dall'ariete Alessandro Di Battista: «Salvini a mio modo di vedere sta cercando ogni pretesto per buttare giù il governo. E noi dobbiamo mantenere i nervi saldi».
Ecco, perciò, Di Maio far filtrare di essere determinato ad andare avanti «come un treno» per la realizzazione della flat tax: «Ci sarà e sarà rivolta al ceto medio. L'abbassamento delle tasse è indispensabile e vogliamo rilanciare l'economia». Del resto anche in casa leghista si pensa a una tassa piatta per i redditi familiari fino a 55mila euro, con il problema che Salvini oltre a tale soglia intende dare un aiuto «ai ricchi» introducendo uno scaglione unico Irpef al 38%, cancellando quelli al 41 e al 43%.
LE BANDIERE
Di Maio però sa bene che non basta mettersi a rimorchio della Lega. Per i 5Stelle è indispensabile alzare le bandiere identitarie. Così il leader grillino, che è anche ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, prima annuncia: «Il prossimo passo è il salario minimo» orario a 9 euro, «in questo modo restituiremo dignità a circa 4 milioni di lavoratori. E' una legge presente in tanti Paesi europei e l'Italia non può restare fuori». Peccato che dopo poco arrivino le bocciature dell'Istat e dell'Ocse. Il primo calcola che le imprese private andrebbero a spendere 4,3 miliardi in più l'anno cui vanno aggiunti altri 700 milioni a carico dello Stato. Il secondo spiega che nessun paese industriale nel mondo ha un salario minimo a 9 euro. «E comunque questo meccanismo non risolve i problemi legati al salario», sottolinea l'Ocse. Della serie: misura troppo onerosa e dunque irrealizzabile.
Di Maio non si scoraggia. Per i grillini la comunicazione è tutto, vale più della sostanza. Così il vicepremier annuncia un «vertice immediato» e «d'urgenza» con i tecnici «per approfondire il dossier». Da cui esce la conferma dell'impegno sul salario minimo. E spunta un rilancio: «Nel summit per approfondire la proposta del salario minimo», dicono nell'entourage di Di Maio, «Luigi ha portato una prima proposta di riduzione del cuneo fiscale, in modo da aiutare anche le imprese uccise dalle tasse. Questa proposta correrà parallelamente al salario minimo e verrà inserita nella prossima legge di bilancio». Quella che si scrive tra fine settembre e metà ottobre. Una fretta che conferma le preoccupazioni di Di Maio per le tentazioni elettorali di Salvini.
«NIENTE RIMPASTO»
Anche per questo il leader pentastellato, parlando con Toninelli (Infrastrutture) e Giulia Grillo (Sanità) cui aveva chiesto la disponibilità di un passo indietro, conferma tutti i suoi ministri ed esclude il rimpasto di governo: «Se Salvini vuole poltrone deve chiedercelo, io non sacrifico nessuno». Per ora.

Salario minimo, Istat: alle imprese costerebbe 4,3 miliardi

 

Ultimo aggiornamento: 18 Giugno, 14:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’incubo di vivere per 34 ore sulla barella al pronto soccorso

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma