SPREAD

Borse europee chiudono piatte la seduta

Martedì 22 Ottobre 2019
Stallo per Piazza Affari, che ha chiuso a +0,04%, non molto diversamente dalle altre Borse europee, a parte il rialzo solitario di Londra, mentre dalla Ue sono arrivate richieste di chiarimenti sulle manovre a Italia, Spagna, Francia e ad altri tre Paesi.

Lo spread sui minimi, che ha finito la giornata a 129 punti, non sembra avere influito sulle banche, andate in ordine sparso: guadagni per Bper (+1,1%) e Intesa (+0,9%), perdite per Unicredit e Ubi (-0,4%), come Banco Bpm (-0,8%), Fineco (-1,3%) e Mps (-3%). In cima al listino principale Recordati e Azimut (1,6%). Bene Italgas (+1,3%) e Poste (+1,1%), così come Pirelli (+1%) e Eni (+0,8%). Positiva Diasorin (+0,7%) chiuso un accordo per un test epatite C in Usa. In rialzo Unieuro (+5,1%) dopo i conti.

Tra i titoli più in calo Campari (-1,8%) e Exor (-1,1%), con Fca (-0,6%) e Cnh (-0,7%). Per l'industria male Stm (-1%) e
Leonardo (-1%). Tra i costruttori giù Buzzi (-1%) e su Salini Impregilo (+4%) e Astaldi (+1,7%) dopo un contratto in Canada. Ultimo aggiornamento: 20:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma