Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Autocertificazione bonus 200 euro, ecco chi deve inviarla e come scaricare il modulo

Il Decreto Aiuti prevede un’indennità una tantum da 200 euro tramite i datori di lavoro nella retribuzione del mese di luglio 2022

Autocertificazione bonus 200 euro, ecco chi deve inviarla e come scaricare il modulo
4 Minuti di Lettura
Lunedì 20 Giugno 2022, 15:39 - Ultimo aggiornamento: 22 Giugno, 07:10

Bonus 200 euro a luglio, tutte le ultime notizie sulle modalità di erogazione e sull'autocerficazione necessaria per richiederlo. Secondo quanto previsto dal Dl Aiuti l'erogazione automatica del bonus una tantum di 200 euro avverrà solo per i dipendenti delle pubbliche amministrazioni. Al contrario tutte le altre categorie che rientrano nei requisiti per richiederlo dovranno presentare la richiesta tramite autocertificazione.

«Ai fini dell'erogazione dell'indennità una tantum» di 200 euro «limitatamente ai dipendenti delle pubbliche amministrazioni i cui servizi di pagamento delle retribuzioni del personale siano gestiti dal sistema informatico del ministero dell'Economia» l'individuazione dei beneficiari «avviene mediante apposite comunicazioni tra il Mef e l'Inps nel rispetto della normativa, europea e nazionale, in materia di protezione dei dati personali». Conseguentemente, si legge, «i dipendenti delle pubbliche amministrazioni non sono tenuti a rendere la dichiarazione» per gli altri lavoratori.

Bonus 200 euro e autocertificazione: tutte le info

Il bonus spetta a lavoratori dipendenti e autonomi, pensionati, disoccupati. A quali categorie serve l'autocertificazione? Il Decreto Aiuti prevede un’indennità una tantum da 200 euro tramite i datori di lavoro nella retribuzione del mese di luglio 2022. Il bonus spetta a lavoratori dipendenti e autonomi, pensionati, disoccupati. Ai lavoratori subordinati servirà l'autocertificazione. Il bonus verrà erogato direttamente nella busta paga di luglio, ma prima ogni lavoratore dovrà consegnare al datore di lavoro un modulo di autocertificazione con la quale si dichiara di non essere titolare di un trattamento pensionistico o del reddito di cittadinanza. 

Al momento non esiste un modello "ufficiale" diffuso dal ministero di questa autocertificazione, ogni azienda predispone la sua tramite consulenti del lavoro. Qui è possibile scaricare il fac simile del modulo, messo a punto da Fondazione studi dei Consulenti del lavoro. 

Cosa scrivere sull’autocertificazione? L’indennità verrà riconosciuta ai dipendenti previa dichiarazione del lavoratore in cui afferma "di non essere titolare delle prestazioni di cui all’articolo 32, commi 1 e 18", ossia di non percepire pensione e Reddito di cittadinanza.

Bonus 200 euro: che ne ha diritto? I 200 euro verranno riconosciuti a tutti i lavoratori dipendenti pubblici e privati, purché venga rispettato il limite della retribuzione mensile di 2.692 euro, cioè 35.000 annuali.

È possibile ottenere più di un bonus? Il bonus 200 euro spetta ai dipendenti una sola volta, anche se hanno più rapporti di lavoro. In questo caso, potranno chiederlo a un solo datore dichiarando di non aver già fatto una richiesta uguale ad altri.

Che succede a chi chiede più bonus? L’indennità una tantum è ad personam; i coniugi lavoratori dipendenti, che rientrano nei limiti di reddito stabiliti, hanno diritto a percepire entrambi l’indennità di 200 euro. Tale indennità una tantum di 200 euro è riconosciuta in automatico, in maniera fissa e una sola volta. Pertanto, il lavoratore dipendente titolare di più rapporti di lavoro potrà chiedere il pagamento dell’indennità una tantum a un solo datore di lavoro, dichiarando a quest’ultimo di non avere fatto analoga richiesta ad altri datori di lavoro. Se il lavoratore chiedesse indebitamente più bonus, l’Inps comunicherà a ciascun datore 'truffato' la quota parte dell’indebita compensazione effettuata, per la restituzione all’Istituto e il recupero verso il dipendente.

Reddito di cittadinanza e lavoro nero, i balneari: «Rifiutati 70 euro al giorno. I giovani? Nessuna voglia di lavorare»

© RIPRODUZIONE RISERVATA