Usa, riapre la caccia al lupo: in due giorni uccisi 216 esemplari (il doppio del consentito)

Usa, riapre la caccia al lupo: in due giorni uccisi 216 esemplari (il doppio del consentito)
di Remo Sabatini
1 Minuto di Lettura
Giovedì 4 Marzo 2021, 17:46

Il Dipartimento delle Risorse Naturali del Wisconsin è finito al centro di vibranti polemiche innescate dagli animalisti dopo la concessione del permesso di caccia al lupo ad oltre 1400 cacciatori della regione americana. Concessione che, in soli due giorni dall'inizio della nuova stagione, ha significato l'uccisione di ben 216 individui. Quasi il doppio dei 119 consentiti. Una vera e propria strage corredata da macabre immagini come quella diffusa da Wisconsin Wolf Hunting, la pagina social dedicata agli appassionati del genere, che pubblichiamo.

Il padrone muore in un incidente, Coki resta solo a casa cinque giorni e rischia di morire: ora cerca casa

La nuova stagione di caccia al lupo sta facendo discutere anche perché, fino al gennaio scorso, i lupi erano considerati specie a rischio estinzione dal governo a stelle e strisce. Decisione che sarebbe drasticamente stata cambiata dall'Epa (l'Agenzia per la Protezione dell'Ambiente) nel periodo di fine mandato dell'amministrazione Trump. A seguito della diffusione dei dati relativi alle uccisioni, diverse tribù di nativi americani, stando a quanto riportato da quotidiani locali come The Badger Herald, avrebbero rinunciato alla propria quota di caccia in segno di rispetto per la specie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA