Morta Ula, la giovane orca del parco marino di Tenerife. È il secondo caso in pochi mesi: «La cattività uccide»

Ula, la giovane orca morta al parco marino di Tenerife (immag pubbl su Fb da Loro Parque)
di Remo Sabatini
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 11 Agosto 2021, 11:24

È morta Ula, la giovane orca del Loro Parque, il parco marino di Tenerife. La notizia, diffusa poche ore fa dalle stesse autorità del parco, ha lasciato sgomenti studiosi e associazioni. La morte di Ula, infatti, segue di pochi mesi la scomparsa di Skyla, l'altra orca del parco e figlia del famigerato Tikikum, il grosso maschio protagonista del docufilm Blackfish. In merito alle cause che hanno provocato la morte della giovane Ula che, lo ricordiamo, aveva solo tre anni ed era nata nel parco, al momento non ci sono notizie. Quel che è certo è che da mesi, stando a quanto dichiarato dai portavoce di Loro Parque, Ula non stava bene da tempo. Curata, sembrava essersi ripresa fino al repentino peggioramento degli ultimi giorni che poche ore fa, l'hanno portata alla morte.

Morta Ula, l'allarme delle associazioni

La notizia sta facendo discutere il mondo ambientalista da sempre contrario alla detenzione di orche e delfini. «La cattività uccide», questo il refrein che sta imperversando sulle pagine di animalisti e studiosi del mondo marino che continuano a chiedere la liberazione in mare delle altre orche detenute in giro per il mondo. Di contro, l'amarezza del comunicato diffuso dal parco marino con il quale stanotte, è stata resa nota la morte di Ula: «È con immenso dolore e tristezza che scriviamo queste parole. Abbiamo perso la nostra amata Ula». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA