Catturano un lamantino protetto e lo uccidono trascinandolo lungo la strada in Nigeria

Mercoledì 26 Febbraio 2020 di Remo Sabatini
2
Il lamantino catturato e trascinato al villaggio. (immagini pubbl dal Ministro Sharon Ikeazor su Twitter e da kpop world su You Tube)
Le immagini sono strazianti. Documentano le fasi della cattura di un lamantino che, legato con corde, viene  trascinato su una strada da sette uomini mentre cerca disperatamente di liberarsi. Un'agonia di terribile crudeltà. Il tremendo episodio è avvenuto in Nigeria Africa, nella regione del Delta del Niger. Sulla vicenda, testimoniata da un video pubblicato su You Tube, finito nelle mani delle massime autorità di quel Paese, è intervenuto lo stesso ministro dell'Ambiente Sharon Ikeazor che, in un comunicato ufficiale, ha condannato fermamente quell'atto così crudele.

Squalo seviziato e ucciso sulla spiaggia fra le risate dei turisti Video
Torturano squalo a morte e diffondono il video con la loro esultanza: condannati due pescatori

"La mia attenzione è stata attratta da un filmato molto angosciante e sgradevole di un lamantino catturato nella regione del Delta del Niger che viene trascinato sul terreno, verso un destino crudele, ha dichiarato. Condanno fermamente questo atto".


QUI IL VIDEO


I lamantini, chiamati anche "mucche di mare", sono grandi mammiferi placidi che trascorrono il tempo in acqua cibandosi di alghe e altre piante. Specie protetta da tempo, i lamantini dell'Africa occidentale sono classificati come specie vulnerabile, continua ad essere cacciato per la carne, l'olio e gli organi che, in alcuni villaggi, sono adoperati nella medicina tradizionale. Tanto che, negli ultimi dieci anni, il numero degli esemplari rimasti in natura, in continuo calo, viene indicato in circa novemila esemplari.

"E' triste, ha voluto sottolineare il ministro Ikeazor, che i lamantini rimangano uno dei mammiferi acquatici più cacciati. Il ripetersi di eventi simili, ha concluso, deve essere motivo di grande preoccupazione per tutti noi". © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi