Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cuccioli di cane, in due settimane d'estate abbandonati in mille: la denuncia di Enpa

Un cucciolo in difficoltà (immag diffusa da Enpa)
di Remo Sabatini
2 Minuti di Lettura
Lunedì 15 Agosto 2022, 19:56 - Ultimo aggiornamento: 18 Agosto, 19:09

I dati sono drammatici. Diffusi da Enpa, l'Ente nazionale protezione animali, documentano una crudele "tradizione" dura a morire: quella dell'abbandono. In sole due settimane, infatti, Enpa ha recuperato qualcosa come mille cuccioli di cane che, per un motivo o l'altro, più o meno sciagurati, sono stati abbandonati. Il dato, allarmante, diffuso in queste ore, è riferito al solo mese di giugno. Periodo nel quale, come accade ogni anno, ci si prepara per le vacanze prenotando le località di villeggiatura e la nuova sorte di quel cucciolo ingombrante che non serve più. Anche per quest'anno, stando ai primi dati raccolti, il triste primato relativo agli abbandoni sembra spettare al Sud del Paese. Una tendenza che, però, potrebbe essere smentita a fine stagione. Tra le varie metodologie di abbandono, quella nuova e per  certi versi disarmante definita dalla stessa presidente nazionale di Enpa, Carla Rocchi, la "nuova frontiera dell'abbandono". In molti casi, infatti, il cucciolo do turno non viene più scaricato in strada ma affibbiato al conoscente di turno che, spesso, finisce successivamente per trovarsi in difficoltà. Così, come fossero cose o pupazzetti di pelouche, i cuccioli, cani o gatti che siano, quando va bene, continuano a passare di mano in mano come nulla fosse. Sì perché quegli occhioni che ci avevano fatto innamorare, non funzionano più. E poi, a ferragosto, all'ombrellone non si comanda.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA