Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cletus, il cane randagio trovato con un tubo di ferro infilato in testa, salvato da morte certa. I soccorritori: «Quanta crudeltà»

Il povero Cletus con il tubo di ferro infilato in testa ( immag diffuse su Fb da Coco's House Senior Sanctuary and Rescue)
di Remo Sabatini
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 26 Maggio 2021, 16:38

In gergo, il tubo metallico che qualcuno gli aveva infilato in testa, viene chiamato "pipa". E' perfetta, vista la flessibilità che permette, per la costruzione di canne fumarie di stufe e camini. Decisamente meno se la si utilizza per fare altro. Come accaduto ad un povero cucciolone che se la è ritrovata infilata in testa per settimane, rischiando, oltre all'indicibile dolore, di morire. L'incredibile vicenda è accaduta a , cittadina americana della Contea di Hinds, nel Mississipi (Stati Uniti). Lì, era il 18 maggio scorso, alla Coco's House Senior Sanctuary and Rescue, associazione che si occupa di recupero e riabilitazione di cani, anche in età, arriva una richiesta di aiuto: «In giro per la città, dicono, c'è un cane con la testa infilata in un tubo».

Il gattino passa dieci ore sul palo della luce: ecco lo straordinario salvataggio

I volontari dell'associazione vengono allertati all'istante e inizia la ricerca. Trovare quel cane non è facile. Randagio, nonostante quel maledetto tubo, si sposta di continuo. «Avevamo chiesto a chiunque incontrassimo se lo avevano visto ma niente». Poi, dopo quasi tre giorni di ricerche, qualcuno telefona: «È sotto il portico. Venite». Così, finalmente, il cucciolone, trovato e recuperato, viene portato in salvo. Una volta in clinica, al povero Cletus, come viene ribattezzato, si tenta immediatamente di sfilargli quel tubo dalla testa. L'operazione non è semplice. Il tubo, probabilmente è lì da settimane e le ferite, così come le infezioni, non si contano.

Il gattino passa dieci ore sul palo della luce: ecco lo straordinario salvataggio

«Non sappiamo come possa essere accaduto, commenta in quei momenti un portavoce dell'associazione, ma crediamo che, viste le condizioni nelle quali è stato trovato, quel tubo non si è infilato in testa per un caso». Qualcuno, evidentemente in preda alla crudele follia, doveva aver avvicinato il cane per divertirsi un po'. Dal canto suo, durante le operazioni di soccorso e cura, Cletus sembra sia rimasto calmo. «Ha circa un anno, hanno spiegato i veterinari che sono intervenuti, e ha un carattere timido e molto dolce, nonostante sia vissuto in strada». Alla fine, dopo giorni di cure e apprensione, il futuro del cucciolo sembra finalmente assicurato. È notizia di soltanto un'ora fa che Cletus si è ripreso. Tanto che viene portato persino a spasso. Le cicatrici non si vedono quasi più. Dolcissimo, ha soltanto paura dei rumori forti.

Fareste dormire il bambino con il cane? Secondo uno studio, dovreste farlo

© RIPRODUZIONE RISERVATA