Cane con muso e zampe legati con lo scotch in mezzo ai rovi, orrore a Catania. L'incredibile salvataggio

Il ritrovamento drammatico ha lasciato senza parole il team di soccorritori composto da Lav e Vigili del Fuoco

Il cane salvato dalla Lav con i vigili del fuoco di Catania. (Immag diffuse da Lav)
di Remo Sabatini
3 Minuti di Lettura
Domenica 7 Novembre 2021, 14:57

Quello che è accaduto a Catania stamattina ha dell'incredibile. Sì perché chi ha pensato il crimine che ha poi commesso, deve avere più di qualche rotella fuori posto. È notizia di poco fa di un salvataggio di un cane che, non fosse stato per i soccorritori, avrebbe fatto una fine a dir poco orribile. Il povero animale infatti, a seguito di una segnalazione urgente ricevuta dalla Unità di emergenza della Lav, è stato rinvenuto tra i rovi con muso e zampe legati con lo scotch da pacchi. Un ritrovamento drammatico che ha lasciato senza parole il team di soccorritori composto da Lav e Vigili del Fuoco di Catania che, dopo essere riusciti a farsi strada tra la vegetazione, hanno potuto recuperare la povera bestiola terrorizzata e ormai stremata.

Sul posto, anche agenti della Polizia municipale e i veterinari che hanno immediatamente operato le prime cure. «Il cane, visibilmente spaventato, ha spiegato la responsabile dell'Unità di emergenza Lav Beatrice Rezzaghi, è stato immediatamente sottoposto alle prime cure». Poi ricorda il ritrovamento: «Ci siamo trovati di fronte ad una scena che mai avremmo pensato di vedere. Una scena di autentica crudeltà. Non fossimo intervenuti in tempo, sarebbe morto soffocato».

Helpet, la prima App per aiutare e rendere felici i nostri animali domestici e noi umani

Quello del maltrattamento contro gli animali è, ormai da anni, un tema sempre più caldo che ha visto in più occasioni animalisti, associazioni e organizzazioni come il Partito Animalista Europeo, chiedere l'inasprimento della pena per chi si macchia di crimini contro esseri indifesi. Ad oggi, infatti, un reato simile, ammesso si riuscisse a trovare il colpevole, verrebbe punito con una pena che va dai 3 ai 18 mesi di reclusione con un massimo di 30mila euro di multa. «Sporgeremo denuncia contro ignoti, ha sottolineato la Rezzaghi, ricordando che chi vede e non denuncia equivale ad essere complice».

© RIPRODUZIONE RISERVATA