Spara tre colpi all'amico dopo una lite e scappa: 25enne arrestato

Sabato 12 Settembre 2020 di Teodora Poeta
L'auto con i colpi di fucile Spara a un ragazzo dopo una lite e scappa: 24enne arrestato per tentato omicidio (foto Newpress)

Lo attende sotto casa e spara tre colpi contro l'amico di tante battute di caccia: G. M., 25 anni, è stato arrestato dalla polizia per tentato omicidio. Mancano ancora alcuni particolari per ricostruire con precisione il litigio finito nel sangue tra un 25enne e un 24enne, molto amici, avvenuto la scorsa notte che ha sfiorato la tragedia. Il 25enne, per motivi legati alla sfera personale, ha preso un fucile da caccia, detenuto legalmente, e ha sparato in direzione dell’altro tre colpi. Due deviati, il terzo lo ha colpito un piede. Tutto è successo nella frazione di Fontanelle di Atri, in provincia di Teramo.

Il giudice gli nega il permesso di lavorare fuori dal carcere, lui scrive un biglietto alla moglie e si impicca

Per l’aggredito è stato necessario il trasporto in ospedale. Oggi dovrebbe essere sottoposto ad un intervento chirurgico. L’aggressore, invece, dopo l’episodio si è dato alla fuga, mentre altri soccorrevano il ferito richiamati dal colpo da fuoco, ma poco più tardi spontaneamente si è presentato negli uffici del Commissariato di Atri dov’è stato fermato con l’accusa di tentato omicidio. «Sono stato io a sparare, non so cosa mi è preso, sono pentito» ha detto G. M. ai poliziotti che lo stavano cercando. 
 

 

L'’ipotesi di reato al vaglio del pubblico ministero di turno Davide Rosati. Molti sono gli aspetti che polizia e carabinieri congiuntamente in queste ore stanno approfondendo, a partire proprio dalla dinamica di quel litigio e dal motivo. La lite tra i due è avvenuta in piazza poco prima per questioni legate alle loro sfere personali. Una discussione dai toni accessi che ha fatto perdere il lume della ragione al 25enne: la sera ha maturato la vendetta, è corso a casa, ha imbracciato il fucile e ha atteso l'amico sotto la sua casa, chiuso in auto. Quando il 24enne è arrivato, anche lui in auto, ha subito notato M. G. e, capendo le sue internzione, ha accelerato per scappare ma il 25enne ha tirato fuori il fucile, glielo ha puntato contro da finestrino sparando più colpi: uno un centratp la caviglia del 24enne, procurandogli ferite guaribili in 20 giorni. Sequestrato il fucile semiautomatico regolarmente denunciato dal 25enne e dei tre bossoli esplosi nei confronti del 24enne trovati nell'auto sforacchiata. Ci sarebbe una discussione per una donna alla base del violento alterco.

Ultimo aggiornamento: 18:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA