Tenta di buttarsi dal balcone, due poliziotti lo afferrano per le mutande: salvo

Tenta di buttarsi dal balcone, due poliziotti lo afferrano per le mutande: salvo
di Walter Berghella
1 Minuto di Lettura
Giovedì 15 Luglio 2021, 07:52

Preso per le mutande da due poliziotti mentre cerca di buttarsi dal balcone al quarto piano di un condominio di viale Cappuccini. Tensione alle stelle l’altra sera a Lanciano dove un uomo di 46 anni ha scavalcato la ringhiera del balcone per gettarsi nel vuoto. Un tentativo di suicidio, pare per motivi di lavoro, che stava per avere gravissime conseguenze anche per due agenti che cercavano di salvarlo e che per un pelo non sono precipitati anch’essi nel vuoto, da un’altezza di 12 metri sul sottostante marciapiedi. Alla fine tragedia sfiorata: l’uomo salvato e sedato dai sanitari del 118 mentre i 2 assistenti capo, Paolo Gemma e Mauro Simigliani, sono poi finiti in pronto soccorso per delle lesioni riportate, con 7 giorni di prognosi.

Dopo aver afferrato l’uomo per i pantaloncini corti, lo hanno riportato sul balcone, ma il corpulento candidato al suicidio è rovinosamente accaduto addosso agli agenti eroi, ferendoli. Superata la paura, l’uomo è stato portato all’ospedale Renzetti per le cure e sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio(Tso). Era la seconda volta che provava a togliersi la vita. Ma la manovra pericolosa ed istintiva messa in atto dai due assistenti capo, allertati dai famigliari, ha evitato una tragedia in un quartiere allarmato per l’episodio suicida che si stava per consumare. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA