Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gravissimo dopo il parto, neonato trasferito da Pescara al Bambin Gesù

Gravissimo dopo il parto, neonato trasferito da Pescara al Bambin Gesù
2 Minuti di Lettura
Martedì 29 Marzo 2022, 15:47 - Ultimo aggiornamento: 16:28

E’stato trasferito nel pomeriggio di ieri a Roma, presso l’Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù” il piccolo Federico, a sole 24 ore di vita. Il trasporto è stato effettuato dall’Equipe di Roma tramite l’ECMO-ambulanza, che ha prelevato il piccolo dalla Terapia Intensiva Neonatale (TIN) della Asl di Pescara, dove era assistito dalla nascita.

La dottoressa Susanna Di Valerio, Direttore dell’U.O.C. di Terapia Intensiva Neonatale di Pescara, spiega che «l’ECMO o ExtraCorporeal Membrane Oxigenation è una complessa tecnica di circolazione in cui il sangue viene portato fuori dal corpo perché cuore e polmoni non sono in grado di assolvere alle loro funzioni. Attraverso questa tecnica, si sostituiscono le funzioni di ossigenazione del sangue e di rimozione dell’anidride carbonica. L’ECMO si utilizza quando l’apparato cardiorespiratorio è affetto da gravi problematiche, ma potenzialmente reversibili, che richiedono tempo e terapie per guarire, mantenendo cuore e polmoni a riposo permettendo così il loro recupero funzionale».

Il piccolo paziente è nato a Pescara da parto spontaneo. Subito dopo la nascita ha iniziato a presentare una grave e progressiva insufficienza respiratoria: per tale motivo è stato ricoverato in Terapia Intensiva Neonatale. Il quadro clinico, però, è parso da subito molto grave poichè non responsivo alle più avanzate tecniche di assistenza ventilatoria. Alla luce della gravità del quadro clinico è stata pertanto allertata l’Equipe dell’ECMO del “Bambino Gesù”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA