Ex maestro picchiato a sangue dai banditi per rapina: i carabinieri risalgono ai primi sospetti

Ex maestro picchiato a sangue dai banditi per rapina: i carabinieri risalgono ai primi sospetti
1 Minuto di Lettura
Domenica 3 Gennaio 2021, 16:25

I carabinieri di Giulianova accelerano le indagini sulla brutale rapina di cui è rimasto vittima l’ottantenne ex maestro nella sua casa di Montone. Aggredito brutalmente da due individui muniti di mascherina anti Covid, ha riportato la frattura dell'omero ed il femore per cui il maestro è stato sottoposto ad intervento chirurgico all’ospedale Mazzini di Teramo. Innanzitutto i militari hanno avuto il merito di insospettirsi nel vedere transitare poco distante dalla zona dove è accaduto il fatto un’auto che correva a grande velocità. I militari hanno intimato l’alt all’autovettura che si dileguava nella notte, inutilmente. Ma hanno individuato il modello dell’auto e soprattutto hanno identificato i numeri della targa. Quindi i due rapinatori hanno le ore contate anche se ci vorranno prove fotografiche e non, ulteriori indagini e verificare eventuali alibi da parte dei due coinvolti nella vicenda.

Va ricordato che il maestro da tutti ben voluto nella frazione di Montone e che abita da solo, ha sentito suonare alla porta. D’istinto, pensando che fosse uno dei suoi vicini di casa, è andato ad aprire e si è trovato davanti due sconosciuti. I due gli hanno dato una spinta e lo hanno cadere a terra e da quel momento hanno cominciato a picchiarlo con calci e punti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA