CORONAVIRUS

Coronavirus, balconi e giardini in fiore come fare spinnig o pesi

Domenica 19 Aprile 2020 di Rosalba Emiliozzi
Coronavirus, balconi in fiore contro lo stress da isolamento

Balconi in fiore dove spuntano parabole. Giardini profumati con alberi di mele gelate e fornacelle pronte per gli arrosticini. Orti con embrioni di pomodori e melanzane e non più solo erbacce incolte vicino al ripostiglio delle bici. L'isolamento forzato ha scatenato il "pollice verde" e anche chi non è proprio così dotato in questi giorni prova a rinverdire terrazzi, piccoli giardini,  appezzamenti di terra adiacenti alla propria casa o solo davanzali assolati per superare lo stress da quarantena forzata.
Dal gommage alla ciliegia di Vignola allo scrub all'oliva pugliese, il beauty si converte al km zero
Svasare, piantare, ragionare su come abbinare i colori e i profumi ma anche zappettare, concimare, innaffiare, provare a rendere verdi pure le zone dove il sole non batte è la sfida ai tempi del Coronavirus. Che poi vuol dire anche creare un'intimità con le piante, guardare e ascoltare cosa le loro foglie e i loro fiori, specie se non sbocciano, ci vogliono dire: più sole, meno acqua, più ombra, un po' di fertilizzante o anche qualcosa che tolga i pidocchi o una malattia. «Perché, come le persone, anche le piante si ammalano e vanno curate» dice Gabriele Florindi, ex sindaco di Città Sant'Angelo, in provincia di Pescara, famosa per le strade fiorite e profumate, esperto di verde e “costruzioni” arboree.

Il Covid-19 ha fatto riscoprire vecchi valori, tra questi il rapporto con la terra, il verde e le piante. Oggi tutti i maggiori vivai si sono organizzati per la consegna a casa di tutto ciò che serve per allestire balconi e giardini. E che la pandemia capiti in primavera è una mezza fortuna, almeno per provare a trasformarsi in provetti giardinieri. Che poi dentro i vasi non ci vanno solo fiori, piante e bulbi, ma anche frutti di bosco, la tendenza del momento, oppure piante officinali e spezie come salvia, rosmarino e timo «che tengono lontane anche zanzare» spiega Florindi. 

Ora è tempo di gerani, camelie, gardenie dal profumo incantevole, vogliono la mezz'ombra e la terra acida. Poi c'è la potenza del gelsomino o del rincospermum, robusti rampicanti che Florindi consiglia di sistemare sul balcone nella camera da letto così la mattina appena alzati con la brezza entra un profumo fresco e delicato che mette sprint alla giornata. «Obbligati come siamo a stare chiusi in casa, sentire certi profumi, occuparci delle piante, vederle crescere e germogliare ci dà immediato giovamento - dice - fare giardinaggio è anche esercizio fisico e sudore, equivale a un'ora di spinning o di pesi». E, per di più, fa dimenticare per un po'  il Covid-19. 

Quanto alle piante da giardino, per chi ama la frutta, le più resistenti sono le pere coscia e le mele gelate, vecchi innesti adatti agli appezzamenti sotto casa. Poi ci sono anche i cambiamenti climatici con cui fare i conti. E come non crederci se si osservano da vicino le mutazioni delle piante. «Pensi all'eucalyptus, piante sempre verde che a causa del caldo torrido per difendersi dalle alte temperature estive hanno iniziato a spogliarsi o ai gerani che fino a sei anni fa si seccavano alla prima gelata e che oggi con gli inverni miti rifioriscono senza problemi la primavera successiva». Miracoli della natura che si adatta alle scorrerie dell'uomo.

Ultimo aggiornamento: 08:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani