CORONAVIRUS

Virus, in sette giorni nel Viterbese 782 contagiati

Sabato 24 Ottobre 2020
Il drive in al Riello

Esplosione di contagi ieri nella Tuscia. In 24 ore, la Asl ha scoperto 167 nuovi cittadini colpiti da coronavirus, mai così tanti dall’inizio della pandemia. Numeri che in parte possono essere spiegati dall’aumento dei tamponi: ieri, ad esempio, ne sono stati fatti 875. Ma, visto che l’ultimo bollettino si riferisce a test effettuati nei giorni scorsi, in ogni caso la curva epidemica preoccupa. Negli ultimi sette giorni, nel territorio della provincia di Viterbo sono stati accertati 782 casi di positività al Covid-19, con 1569 persone ad oggi in regime di isolamento domiciliare.

Sul totale di ieri, 29 sono i casi di minorenni in età scolare mentre aumentano i contagi nelle strutture per anziani. Dopo quelli dei giorni scorsi, scoperti nuovi positivi all’interno di Villa Santa Margherita a Montefiscone dove nei giorni scorsi erano stati eseguiti tamponi su pazienti e ospiti. A Bagnoregio una ospite della casa di riposo San Raffaele Arcangelo è stata ricoverata all’ospedale di Orvieto ed è risultata positiva al Covid-19, per poi essere trasferita all’ospedale di Foligno. “A tutela degli altri ospiti della struttura e del personale che ci lavora ho disposto – spiega il sindaco Luca Profili - il divieto di allontanamento e ingresso dalla strutture e l’obbligo di isolamento fiduciario per chiunque vi sia entrato negli ultimi 10 giorni”. La Asl ieri ha effettuato i test su ospiti e personale, di fatto isolato dentro la residenza per anziani. Sempre nel paese della Teverina, contagiato un tesserato dello staff tecnico dello Sporting Bagnoregio, squadra dove gioca proprio il primo cittadino, risultato però negativo.

Dei nuovi tre casi a Ronciglione, due riguardano il maggiore dei carabinieri Alfredo Tammelleo e il figlio. A Castel’ Sant’Elia il sindaco Vincenzo Girolami annuncia la positività di una bambina che frequenta la scuola locale ma da 10 giorni era a casa. A Nepi nuovi 6 casi. “Se nei prossimi giorni questa tendenza non diminuirà – avverte il sindaco Franco Vita - dovrò discutere della possibilità di eventuali atti che tendono a limitare la diffusione del virus”. Ridotta l’apertura al pubblico del Comune. Gli uffici saranno accessibili su appuntamento lunedì, mercoledì e venerdì dalle 10,30 alle 13; martedì e giovedì dalle 15 alle 17. Ieri a Capranica 5 casi di cui la maggioranza a carico di bambine. “In questi giorni capiremo con la Asl, le autorità competenti e la dirigenza come è più opportuno procedere con la scuola.  Ogni scelta verrà presa nel rispetto e nella tutela dei piccoli, che sono sempre la nostra priorità”, annuncia il sindaco Pietro Nocchi.

Visti gli aumenti dei contagi e a fronte del crescente numero di cittadini che necessitano di una assistenza telefonica, la Asl ha attivato il numero unico del team operativo coronavirus 0761.237025, operativo dal lunedì al sabato dalle 9 alle 18 e la domenica dalle 9 alle 16. Collegato con otto linee è dedicato alle comunicazioni con i positivi, con le persone in isolamento e con tutti i cittadini che necessitano di una reale assistenza telefonica. La Asl invita i cittadini che hanno effettuato l’esame diagnostico a consultare la piattaforma regionale LazioEscape, dalla quale è possibile scaricare i referti.

Ultimo aggiornamento: 17:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA